Bibenda
Notizie
Visualizza tutte le notizie
Sicilia spumeggiante 2
Pubblicato il 19/02/2016
Fotografia

Si chiama Voria, ed è il nome dello spumante 'sur lie'  prodotto e ideato da
Marco Sferlazzo, titolare di  Porta del Vento, azienda di Camporeale, in provincia di Palermo, già nota per altre tipologie di vino, sempre e solo da vitigni autoctoni, in particolare Perricone (varietà a  bacca nera) e Catarratto (varietà a bacca bianca).
Sferlazzo, farmacista, oltre dieci anni fa ha deciso di abbandonare la chimica per dedicarsi al vino seguendo i principi della biodinamica. Ed eccola la sua ultima scommessa: Voria, un nome più che eloquente, che in dialetto significa brezza, vento freddo. È stata ideata in tre varianti: bianco, rosato e rosso.
Il bianco, da uve Catarratto, il rosato e il rosso, da varietà Perricone.
L'obiettivo era quello di ottenere  un vino di facile beva che in maniera divertente potesse avvicinare anche i più giovani al mondo enoico.  Esperimento più che riuscito, visto il suo immediato successo presso i ristoranti a marchio FUD, noti per gli hamburger 'Made in Sicily' che ne avevano intuito immediatamente il boom, chiedendone la produzione in esclusiva. Dal marketing passiamo alla loro descrizione. Trattandosi  di bollicine 'sur lie' non si può certamente parlare di limpidezza, bensì si dovrà puntare all'olfatto e poi al gusto. I profumi che si alternano al naso sono identificabili in note floreali, sentori agrumati  e qualche sentore minerale. Al gusto l'ingresso è verticale con  la nota agrumata che si ripresenta, così come  la sapidità che viene ben mitigata dalla persistenza delle bollicine. Il rosato presenta al naso qualche sentore di violetta e di rosa. La componente acida è qui più presente, con una freschezza che avvolge  il palato senza sovrastare la parte alcolica e sapida, con un finale piacevole ed equilibrato.
Il rosso, sempre da uve Perricone, è quello più complesso all'olfatto. Aromi di frutti rossi, in particolare di mirtillo, amarena e arance rosse, si alternano a quelli di violetta e hibiscus, e in generale profumi mediterranei, perfettamente riconoscibili come la salvia, l'origano e la maggiorana. Al palato è interessante il contrasto tra la parte  tannica e quella acida, che lo rende versatile nell'abbinamento.



Marco Sferlazzo
Contrada Valdibella
90043 Camporeale PA
Tel. 091 6116531
info@portadelvento.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA