Notizie
Home > Notizie > Il Messaggero di Martedì 9 Giugno

Il Messaggero di Martedì 9 Giugno

Un sorso ricco con aromi di gelso e mirto

 Anche in quest’azienda nel cuore del Sulcis c’è l’imprinting di Giacomo Tachis, enologo genio e talvolta definito corsaro, per via della sua attitudine ad attraversare i mari alla scoperta di nuovi terroir da valorizzare. Santadi, nata su impulso di un gruppo di vignaioli con l’inclinazione alla qualità è una vera squadra paradigma di lavoro collettivo e di uno stretto legame con il territorio. Negli anni Ottanta, con la presidenza di Antonello Pilloni, si registra l’incontro con il grande enologo: sarà una svolta epocale. Tachis si innamora di questi vigneti, prende a cuore le sorti di Santadi e i vini compiono un salto di qualità, affermandosi sui mercati anche internazionali, ambasciatori dell’anima sarda. Il Terre Brune si impone con il suo colore fitto, suggestivi aromi di more di gelso e mirto, viole e sentori di anice stellato, liquirizia. Sorso ricco, polposo, freschezza che dona slancio, trama tannica elegante. Con il porceddu con composta di ciliegie di Lanusei.

Cantina Santadi
Santadi CI

Carignano del Sulcis Superiore Terre Brune 2015
Rosso Doc – Carignano 95%, Bovaleddu 5% - € 52 - 5 Grappoli: l’Eccellenza di Bibenda

Fotografia
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina