Bibenda
Notizie
Visualizza tutte le notizie
Il Messaggero dell'11 maggio
Podere dei Musi e Cave des Onze Communes
Pubblicato il 11/05/2021
Un'azienda nata e cresciuta nella qualità
I vigneti dell’azienda di Federico Di Vaira, ricadenti nella denominazione Bolgheri, furono impiantati nel 2000, con la prima intenzione di vendere l’uva alle aziende della zona. Non ci volle troppo tempo per capire quali maggiori soddisfazioni sarebbero scaturite dalla loro trasformazione in vino prodotto in proprio. Vede così la luce nel 2006 la prima etichetta, un rosso  di taglio bordolese, com’è d’uso in questa prestigiosa zona. Da quel momento non si è mai smesso di produrre, incrementando la superficie vitata e realizzando un’attrezzata cantina, senza mai perdere di vista l’obiettivo della qualità e continuando a mantenere uno stile semiartigianale. È un blend anche il bianco aziendale, solo mille bottiglie. Luminoso colore dorato, profuma di iris e lillà, nespole e agrumi, fondo minerale. Morbido al palato, fresco, sapido, lunga scia fruttata. La sua fragranza lo rende perfetto per accompagnare del merluzzo cotto al vapore di tè bianco.

Podere dei Musi
Castagneto Carducci LI

Bolgheri Bianco Il Pezzino 2019
Bianco Doc – Sauvignon 50%, Viognier 30%, Chardonnay 20% - € 20 – 3 Grappoli di Bibenda: Vini di Buon Livello e Particolare Finezza

Il Messaggero dell'11 maggio 2021

Duecento soci e un prodotto di alta quota
Come dice il nome, questa realtà cooperativa raccoglie le produzioni di circa duecento soci le cui proprietà attraversano ben undici comuni della Valle. Una sessantina di ettari di vigneti, alcuni dei quali recuperati dall’abbandono, situati tra i 500 e i 900 metri di quota, che godono di un’ottima esposizione solare, di brezze che impediscono il ristagno dell’umidità e di importanti escursioni termiche, a garanzia di uve in ottime condizioni di salubrità e dal potenziale organolettico equilibrato. Una produzione di 500000 bottiglie l'anno, realizzate con gli autoctoni del territorio, quasi sempre vinificati in purezza. Come questa Petite Arvine, di un bel giallo paglierino luminoso, con profumi di pesca noce, mela verde e scorza di agrumi, ginestra, erbe di campo e vaniglia. Sorso fresco e sapido, con lunga scia fruttata e minerale. Gustoso, come il suo abbinamento: polpette di vitello aromatizzate con timo, maggiorana, finocchietto, cotte al vapore.

Cave des Onze Communes
Aymavilles AO

Vallée d’Aoste Petite Arvine 2019
Bianco Doc – Petite Arvine 100% - € 11 – 3 Grappoli di Bibenda: Vini di Buon Livello e Particolare Finezza
© RIPRODUZIONE RISERVATA