Notizie
Home > Notizie > Il Messaggero del 6 ottobre / Podere Forte e Les Crêtes

Il Messaggero del 6 ottobre / Podere Forte e Les Crêtes

Tordi in crosta col Sangiovese di Podere Forte
Per l’intensità dei suoi profumi, così penetranti e persistenti, il tartufo bianco caratterizza moltissimo le preparazioni alle quali viene aggiunto. Il vino dovrà essere sì profumato ma mai aggressivo. Su tordi in crosta, ripieni di fegato grasso, abbondantemente arricchiti di lamelle di tartufo bianco, sarà perfetto questo Sangiovese in purezza, con i suoi tannini “dolcissimi”, frutto di uve coltivate a circa 500 metri di quota, in regime biodinamico. Rubino splendente, nobile intreccio aromatico di cacao e succo d’amarene, eucalipto e tabacco biondo. Bocca di seta, di un’eleganza senza pari, morbida nell’insieme, con una lieve sfumatura sapida nel finale infinito, solcato da toni di erbe aromatiche e scorza d’arancia. Esempio illuminato di come si possa concepire il vino tra sapienza, saggezza e scienza, questo è Podere Forte, realtà produttiva che più di ogni altra ha saputo rappresentare la straordinaria vocazione del terroir di Castiglione d’Orcia.

Podere Forte
Castiglione d’Orcia (Siena)

Orcia Rosso Petrucci Anfiteatro 2016
Rosso Doc - Sangiovese 100% - 5 Grappoli: l’Eccellenza di Bibenda

Il Messaggero 6 ottobre 2020

E sulla fontina Chardonnay d'alta quota
Quando si ha a che fare con un pregiato, nonché profumatissimo tartufo bianco, la scelta del vino da abbinare dovrà essere sì in accordo con il piatto, ma dovrà soprattutto tener conto dell’importante aroma al quale necessariamente tenere testa. Se la preferenza cade su un bianco, questo dovrà essere strutturato, meglio se arricchito da un passaggio in barrique, di buona gradazione alcolica, molto profumato, morbido, dalla componente acida contenuta. Come questo Chardonnay d’alta quota, da vigne estese fino a 900 metri, un’altitudine per cui è stata coniata la definizione di viticoltura eroica. Colore giallo oro. Ampio e intenso ventaglio odoroso, con note di frutta tropicale, sentori fumé e toni di spezie dolci, vaniglia su tutte. Elegante e avvolgente, caldo e vellutato, equilibrato da una calibrata freschezza che si allunga nel persistente finale speziato. Perfetto per la fonduta di fontina valdostana con lamelle di tartufo bianco.

Les Crêtes 
Aymavilles (Aosta)

Valle d’Aosta Chardonnay Cuvée Bois 2017
Bianco Dop – Chardonnay 100% - 5 Grappoli: l’Eccellenza di Bibenda
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina