Notizie
Home > Notizie > IN PRIMO PIANO / Barbara Tamburini

IN PRIMO PIANO / Barbara Tamburini

NUOVO TRAGUARDO PER BARBARA TAMBURINI, OSCAR DEL VINO MIGLIORE ENOLOGO 2019
FotografiaDalla vendemmia 2020, Barbara Tamburini, winemaker di grande sensibilità professionale e non solo, affiancherà il Team tecnico dell'azienda Duca di Salaparuta nella creazione dei vini di quest’ultima e quale supervisore dei prodotti Corvo. Un ruolo che in passato è stato ricoperto dal grande Giacomo Tachis, del quale Barbara Tamburini con la sua grande esperienza e sensibilità enologica ben segue le orme. Non a caso, è andato a lei l'Oscar del Vino 2019 - Premio Giacomo Tachis per il Migliore Enologo. 
Il lavoro di Barbara Tamburini in Sicilia, già a partire dalla vendemmia in corso, riguarderà sia i vini storici dell’Azienda sia nuove sperimentazioni, che orienteranno sempre di più la produzione Duca di Salaparuta e Corvo verso un gusto moderno, che mette al centro il vitigno e la sua territorialità, nel rispetto e in linea con le esigenze del consumatore e con i nuovi trend dei mercati internazionali, verso cui l’Azienda guarda con attenzione.

Barbara Tamburini: “Come è facile immaginare sono estremamente onorata di aver ricevuto questo incarico, che evidentemente mi coinvolge in una realtà di enorme importanza per l’Enologia italiana e siciliana in particolare. Il mio impegno professionale è fortemente teso a dare un contributo concreto allo sviluppo dei progetti di questo grande Gruppo, in un’ottica di consolidamento degli ottimi risultati fin qui raggiunti e di inserimento di idee innovative, pur se strettamente connesse con la realtà aziendale e territoriale”

Un successo annunciato! Buon lavoro a Barbara da tutti i suoi appassionati estimatori di Bibenda e della Fondazione Italiana Sommelier!
FotografiaNOTE BIOGRAFICHE BARBARA TAMBURINI | Barbara Tamburini si laurea in Viticoltura ed Enologia all'Università di Pisa nel 2002, dopo aver già conseguito il Diploma Universitario in Tecnologie Alimentari con Orientamento in Viticoltura ed Enologia nell'anno 2000. Dopo aver svolto vari periodi di tirocinio in alcune Aziende toscane durante gli studi universitari, inizia la propria attività di Enologo Libero Professionista nel 1999 con importanti consulenze, che vanno via via aumentando di numero negli anni, dapprima in Toscana e, più tardi, in Umbria, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia. E' di questo periodo il proficuo incontro con Vittorio Fiore, enologo di lunga esperienza e di fama internazionale, da lei considerato il suo Maestro, con il quale ha inizio un percorso di collaborazione che per alcune realtà produttive, continua tutt'oggi. Animata da una intensa curiosità professionale, si cimenta con successo in molteplici direzioni, passando dalla viticoltura all'enologia, dal Sangiovese al Pinot Nero, dal Merlot al Nebbiolo e Barbera, all'Aleatico, dal Vermentino al Pinot Bianco e all'Ansonica, dal Moscato Passito al Vinsanto, mantenendo fermo, tuttavia, il proposito di far esprimere ai vini di cui si prende cura gli elementi diriconoscibilità aziendale prima e territoriale poi, sempre alla ricerca delle massime espressioni qualitative, tenendo presente il gusto del consumatore. Peraltro, non trascura le problematiche di mercato, grazie anche alla sua sempre più diffusa notorietà, che la porta ad intrattenere una rete di preziose conoscenze, sia in Italia, ma soprattutto all'estero con i protagonisti della distribuzione e commercializzazione del vino italiano nel mondo. Così pure allarga le proprie conoscenze nell'ambito della stampa di settore e della grande informazione che molto spesso si rivolgono a lei per ottenere le notizie sempre considerate di grande importanza. A Barbara Tamburini, dunque, piace perseguire una linea professionale di alto profilo, in altre parole, a lei piace volare alto, come quando quinta donna al mondo, il 29 ottobre 2004 è salita su un MB339 - il mitico aviogetto delle Frecce Tricolori - ed insieme al comandante della Pattuglia Acrobatica Nazionale, ha fatto un'ora di volo acrobatico nei cieli del Friuli.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina