Notizie
Home > Notizie > Il Messaggero di Martedì 8 Settembre

Il Messaggero di Martedì 8 Settembre

Rubino vellutato e note eleganti di talco e ribes
Dal Settecento fino ad oggi, passando per l’Unità d’Italia, Borgogno è la storia del Barolo di Barolo, in un crescendo di fama e qualità preservando intatta la sua classicità. Dal 2008 appartiene alla famiglia Farinetti che si è impegnata a salvaguardare lo stile di questa cantina storica. La conduzione è affidata a Andrea Farinetti che ne ha preso le redini dopo gli studi alla Scuola Enologica di Alba. Con lui si è tornati all’uso del cemento in cantina ed è stato avviato il processo di conversione in biologico dei vigneti siti nei migliori cru dell’area. Dal pregiato Cannubi arriva questo Barolo, rubino luminoso dai riflessi granato. Note eleganti di talco e ribes accompagnano rosa canina e genziana, scorzette di agrumi immerse in un fondo speziato di chiodi di garofano e ginepro. Polposo e vellutato, ha struttura bilanciata, trama tannica fine e levigata. Lungo e ammaliante il finale, balsamico e fruttato. Esempio di classicità. Polpette di bollito.

Borgogno
Barolo CN

Barolo Cannubi 2014
Rosso Docg – Nebbiolo 100% - Euro 71 – 5 Grappoli: l’Eccellenza di Bibenda

Fotografia

Folata balsamica che accompagna un aroma di rose​
Non è facile imbattersi in un buon calice di Pinot Nero al di fuori della Borgogna, habitat naturale di questo vitigno, ostico e difficile per definizione, croce e delizia di ogni enologo, sfida tra le più stimolanti. Eppure, in Toscana, giocando con l’altitudine dei suoli e la preziosa composizione dei terreni di Castellina, con tecniche di vinificazione artigianali e maturazioni attente, Alessandro Cellai, allievo prediletto del grande enologo Giacomo Tachis, porta avanti la sua produzione di Pinot Nero, piccola ma di pregiatissima qualità. Tipico colore rubino, molto brillante. Profumi raffinati si schiudono a ventaglio, rose in prima battuta, poi aromi di fragole e lamponi, incenso, folate balsamiche, soffi di tabacco dolce e un prezioso filo minerale. Al palato l’impalcatura tannica è ben tornita e disciolta in una struttura di ottima freschezza e grip sapido. Lunga e golosa la chiusura, scandita da graziosi toni floreali. Sulla tradizionale ribollita.

Podere Monastero
Castellina in Chianti SI

La Pineta 2017
Rosso Igt – Pinot Nero 100% - Euro 34 – 5 Grappoli: l’Eccellenza di Bibenda
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina