Notizie
Home > Notizie > Suggestioni... monastiche

Suggestioni... monastiche

Nila Halun
Dal n.16 di
Fotografia

Ci lasciamo alle spalle Assisi e la sua Rocca. In direzione di Nocera Umbra. La strada attraversa boschi di querce e carpini per poi inerpicarsi fino a ottocento metri di altitudine dove, immerso nel parco naturale del Monte Subasio, troviamo il Monastero di San Biagio (nella foto). È qui che nasce, circa quindici anni fa, la prima birra umbra di ispirazione monastica.

Il contributo dei monasteri nella produzione di birra è da sempre conosciuto. Infatti questa spumeggiante bevanda ha storicamente accompagnato nei secoli, in terra umbra, i pellegrini nei loro viaggi verso le mete sacre, come troviamo documentato in numerosi scritti e testimonianze.

In questa cornice suggestiva, nasce la birra Ambar, recentemente premiata a Strasburgo tra le tredici migliori birre internazionali. È una birra scura che si ispira alla antica tradizione monastica, a bassa fermentazione e con spiccati aromi di caffè e caramello. Accanto troviamo la Monasta, birra ambrata con sentori di nocciole, struttura decisa e grado alcolico intorno al 7% del volume, da accompagnare a piatti di carni alla brace. Inoltre si producono birre chiare come la Verbum e la Gaudens, la prima quasi bianca con sfumature fruttate, adatta per antipasti e pesce; la seconda moderatamente amara, con note tostate, perfetta con pasta e salumi. Si tratta di birre realizzate con ingredienti di altissima qualità, in gran parte presenti nel territorio come l’acqua purissima di Nocera Umbra.

A pochi chilometri dal monastero, sempre immerso nei boschi, medesima proprietà, troviamo il borgo La Tavola Dei Cavalieri. Antiche residenze di campagna perfettamente ristrutturate, affacciate su 18 ettari di proprietà in gran parte boschiva. Qui è stato da pochi anni reintrodotto il suino nero, razza che anticamente popolava le pendici del Subasio e poi scomparsa, sostituita dalle cosiddette “razze migliorate”. Gli animali qui, lasciati liberi, maturano intorno ai 20-24 mesi (contro i 9 mesi delle nuove razze) per poi essere macellati e lavorati artigianalmente. Vengono nutriti con tutto ciò che offre il sottobosco, con un’integrazione alimentare costituita da legumi e cereali provenienti dall’azienda stessa, tutti biologici. I salumi che ne derivano ci regalano emozioni intense, il gusto dei sapori prodotti con autenticità e semplicità.

Birre e salumi, extravergine e vino, materie ed anima di un territorio, la valle Umbra, che in questi ultimi venti anni sta cercando di recuperare tradizioni, opportunamente innovate, che erano andate largamente dimenticate nella memoria recente.

 

San Biagio
Loc. Lanciano, 42
06025 Nocera Umbra (PG)
Tel. 0742 813646

www.assisiresort.com

giovanni@sanbiagio.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina