Notizie
Home > Notizie > Assaggi di ritorno: vini dolci

Assaggi di ritorno: vini dolci

Cinzia Bonfà
Dal n.188 di
Fotografia

Questo è il quarto appuntamento con i miei assaggi al Vinitaly. Nella categoria dei vini dolci, uno in particolare ha destato la mia curiosità e sublimato i sensi: Vin Santo del Chianti Occhio di Pernice 2010 delle Tenute Silvio Nardi.

Nel 1950 Silvio Nardi rilevò la Tenuta di Casale del Bosco diventando il primo produttore “forestiero” a Montalcino. Attualmente la proprietà è costituita da 36 vigneti suddivisi in tre tenute situate a Casale del Bosco (cuore storico dell’azienda) a nord-ovest di Montalcino, a Manachiara e a Colombaiolo entrambe a est di Montalcino. A dirigere questa grande orchestra è oggi Emilia Nardi, bella e dolce signora che, con maestria e attenzione, ha voluto differenziare in ogni singola bottiglia, il terroir di appartenenza facendo parlare in ogni sorso, ogni singolo vigneto. Tra i tanti cru prestigiosi prodotti e tra i tanti Brunello dell’azienda assaggiati al Vinitaly, si è distinto per fascino e bellezza il Vin Santo del Chianti Occhio di Pernice 2010, nitido esempio di classicità per grazia aromatica e spazialità gusto-olfattiva. È composto da Sangiovese Grosso per il 70% e da Malvasia Nera per il 30%. Già dall’habillage della bottiglia trasparente da 500 ml che avvolge questo nettare, si denotano sapienza, talento e bellezza. La vendemmia è avvenuta manualmente con trasporto dell’uva in piccole ceste. Le uve sono poi state disposte su stuoie per l’appassimento fino al Marzo successivo alla vendemmia. Pigiatura delle stesse e fermentazione in caratelli di rovere da 120 lt secondo le tecniche tradizionali con madre tramandata da generazioni. Affinamento per almeno 5 anni in caratelli.

Ambrato carico luminosissimo. Naso aristocratico e complesso giocato tra gli aromi di noce e sigaro toscano e quelli più dolci di caramella d’orzo e torroncino alle mandorle. Il sorso è caldo, avvolgente, denso con tanta armonia elargita da una morbidezza suadente e una freschezza vibrante perentoria che ne allunga la persistenza gustativa. L’abbinamento ideale non esiste. Si può bere da soli o in compagnia di chi si ha più a cuore, perché questi gioielli sono condivisibili solo con chi se lo merita.


Tenute Silvio Nardi
Casale del Bosco
53024 Montalcino, Siena
Tel. 0577 808269
info@tenutenardi.com
www.tenutenardi.com

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina