Notizie
Home > Notizie > Fettuccine, carciofi e bottarga

Fettuccine, carciofi e bottarga

Giada Piper
Dal n.179 di
Fotografia

La bottarga ha una lunga storia, si dice che già i Persiani ne facessero uso, inventandosi soprattutto  la maniera per conservarla e per farla essiccare.

Nella cucina giudaico romanesca la bottarga ha una storia totalmente diversa.
Nel 1500 un Papa fece un editto dove veniva vietato il consumo di piatti ricchi agl'ebrei rinchiusi nel ghetto di Roma di Venezia e Firenze, perché non potessero festeggiare o gioire dei piaceri della cucina se non quella di scarto, che il pescivendolo teneva, proprio per queste Signore.
Allora le donne ebree usando la loro fantasia si inventarono piatti e pietanze, rendondoli gustosi e saporiti.

Uno di questi è "Fettuccine con la bottarga".

Ingredienti: Fettuccine 600gr, carciofi 6, Bottarga una forma e mezza, Bottarga grattugiata q.b., Olio, Aglio, Peperoncino, Limone

Le fettuccine con carciofi e bottarga sono un primo molto gustoso, che unisce la cucina giudaico-romanesca (carciofi) e i meravigliosi sapori della Sardegna (bottarga) dando vita una pietanza unica. La ricetta è molto semplice, ma bisogna seguire con attenzione tutti i passaggi.

Preparazione: Lavate e pulite beni i carciofi, privandoli delle foglie più dure, e metteteli in un recipiente con acqua e limone per non farli annerire. Scolateli molto bene e tagliateli a fettine sottili. In una casseruola mettete aglio, olio e peperoncino (se vi piace il piccante) e cuocete i carciofi a fuoco dolce. Se risulteranno un po’ duri, aggiungete un mestolo di acqua di cottura. Completata questa operazione mettete i pezzi di bottarga e amalgamate il tutto. Se vi piace particolarmente la bottarga, aggiungete anche quella grattugiata. Durante la preparazione del condimento, vi consigliamo di cuocere la pasta in abbondante acqua salata per gustare il patto ben caldo. Se volete rendere più delicato questo primo, mettete solo la bottarga grattugiata aumentando la dose, ma facendo attenzione a non far risultare la pasta troppo secca. Buon Appetito!
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina