Notizie
Home > Notizie > Straniere, che passione!

Straniere, che passione!

Cinzia Bonfà
Dal n.178 di
Fotografia

Prosegue il nostro viaggio nel mondo delle birre, questa volta con degli assaggi di prodotti esteri.

Traquair Jacobité
Questa birra è una Ale con 8% vol. è stata prodotta per la prima volta nel 1995, per celebrare il 250 esimo anniversario della rivoluzione dei Giacobiti nel 1745 che rivendicavano la dinastia degli Stuart sul trono di Scozia e Inghilterra. Traquair è un castello nel piccolo paese di Innerleithen a 50 chilometri a sud di Edimburgo in Scozia che racchiude in sé un birrificio. Risale al 1107, epoca in cui nasce come residenza di caccia del Re di Scozia e ha ospitato discendenti degli Stuart fino ad oggi con Catherine Maxwell Stuart; sembra che sia la più antica casa ininterrottamente abitata di tutta la Scozia; è scritto sullo stesso sito. La birra Jacobité è aromatizzata al coriandolo ed è fatta con una ricetta del diciottesimo secolo che prevede l’utilizzo di vasi di fermentazione di rovere. Traquair è l’unico birrificio del Regno Unito che utilizza appunto vasi di rovere per la fermentazione primaria. Ha un bel colore wengé con schiuma caffellatte, molto evanescente. I profumi hanno tutti un filo conduttore scuro con note di caffè, caramella d’orzo, china e cioccolata amara, il tutto steso su un bastoncino di liquirizia. Impercettibile il coriandolo. Al palato la tostatura amara del caffè e la liquirizia ritornano decise ma morbide. Un autentico capolavoro. Davvero gradevole il suo respiro tostato e il suo colore scuro-turbamento. Va bevuta da sola ma gli audaci possono provare a “spettinarla” con un formaggio erborinato.

Traquair House Brewery
Innerleithen, Peeblesshire EH44 6PW, Scotland
www.traquair.co.uk - enquiries@traquair.co.uk

 



Mc Chouffe
La Mc Chouffe della Brasserie d'Achouffe è una birra belga di 8% vol, naturale e rifermentata in bottiglia, non pastorizzata. Il birrificio nasce nel 1970 ed è situato nel cuore verdeggiante delle Ardenne belghe, nel villaggio di Achouffe, nella Provincia del Lussemburgo. Lo gnomo, che è rappresentato sull'etichetta, sembra popoli proprio la foresta delle Ardenne. Questa birra viene anche chiamata "Skotch de l'Ardenne" per via del colore scuro, d'orzo tostato e del corpo robusto e setoso. Ma il suo colore è mutevole dal bruno-arancio al marrone cupo perdendosi nelle varie nuance cromatiche e tristemente dolci dell'autunno. Ha una schiuma compatta e coesa. I profumi inebriano l'olfatto con decisa speziatura dolce, poi la caramella mou e un finale di fiori d'arancio. Sia la Chouffe (ambrata) che la Mc sono prodotte con l'acqua della sorgente di Cedrogne (una tra le fonti belghe situata a maggior altitudine) e malto speciale.

 

Brasserie d’Achouffe
Achouffe 32 - 6666 Wibrin - Achouffe
www.achouffe.be - info@achouffe.be



 

 

Lupulus
Lupulus è una birra belga bionda con 8,5% vol, rifermentata in bottiglia, non filtrata e non pastorizzata, caratterizzata dall’intenso utilizzo di luppolo durante la produzione e la fermentazione. Il birrificio è situato all’interno di una magnifica fattoria del XVIII secolo che fa parte del patrimonio delle Ardenne belghe. Anche per l’etichetta di questa birra si è voluto riprendere l’elemento principale che anticamente popolava le foreste delle Ardenne: il lupo. L’accostamento apparentemente strano fra animale e la pianta del luppolo è ben pensato perché il nome in latino del luppolo, infatti, è “humulus lupulus” che letteralmente significa “piccolo lupo umile” e lupus è il diminutivo di lupulus. Ma ci sono due teorie sull’etimologia del nome e sull’abbinamento lupo-luppolo: la prima è che il lupo e il luppolo crescono liberi sulla terra, senza bisogno dell’uomo; la seconda, più “botanica”, è legata allo scrittore latino Plinio. Da fine osservatore dei fenomeni naturali, aveva notato come la pianta del luppolo fosse così pericolosa per altre piante da essere considerata un vero e proprio “lupo”. Lo stesso Plinio definisce il luppolo come il “lupo dei salici”, poiché faceva seccare progressivamente queste piante prosciugandone la linfa, arrampicandosi ed attorcigliandosi ad esse. Colore biondo opalescente sprigiona inizialmente profumi di malto e lieviti per poi perdersi in note di frutta secca e spezie. Soffi resinosi ed erbacei ritornano al gusto finemente amaro e d’intelligente equilibrio.

Brasserie Les 3 Fourquets
Courtil 50, B-6671 Bovigny
www.lupulus.be

 


Ivanhoe
Birra inglese artigianale dallo stile English Pale Ale con 5,2% vol, rifermentata in bottiglia. Il produttore è Ridgeway Brewery. L’etichetta è molto ricamata, ricca com’è prevista dalla filosofia inglese (le confezioni inglesi sono generose e non austere) e richiama duelli medievali: ci sono due cavalieri che si muovono combattendo sull’intero disegno avvolgendo tutta la bottiglia da 500 ml. Il disegno è paritetico al prodotto perché l’assaggio è duellante tra le pugnalate un po' amare del luppolo inglese Golding e le sensazioni dolci di brioche, di spezie e di agrumi che egli stesso regala. Birra rossa che non vuole eccessi di esuberanza né sulla rotondità né sull’amaricante, ma solo equilibrio, con la rotondità dei malti tostati e la punzonatura dell'amaro del luppolo, così decanta il birrificio e quindi amen. In realtà è un po' troppo amara, pepata nel finale, anche se gradevole, con la vittoria del cavaliere rosso ma, per chi ama le Pale Ale, può addirittura trovarla troppo mielata. Una battaglia, questa, ancora tutta da combattere.

Ridgeway Brewery
6 Chapel Cl, South Stoke
Reading RG8 0JW, Regno Unito
www.ridgewaybrewery.co.uk

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina