Notizie
Home > Notizie > Autocthona, quante sorprese

Autocthona, quante sorprese

Raffaele Fischetti
Dal n.162 di
Fotografia

Da alcuni giorni è terminata l'edizione della fiera Autocthona 2015, strutturata in vari eventi spalmati su quattro giorni. Nei primi due infatti si è svolto il XII forum nazionale dei vini Autoctoni in cui personalmente ho trovato parecchie chicche molto interessanti di aziende con piccoli numeri in fatto di bottiglie prodotte ma con grande qualità. Ogni produttore infatti poteva portare in fiera esclusivamente vini prodotti con vitigni autoctoni della propria regione, non sono mancate le sorprese puntualmente anche premiate da una giuria di esperti molto attenta e preparata. Ci siamo entusiasmato nell'assaggio di alcune Aziende che non conoscevo personalmente che sono riuscite a trasmettermi emozioni: l'Azienda di Gnavi Carlo ci ha entusiasmato con il suo Erbaluce, sia nella sua classica versione, sia nella versione spumante che svolge 40 mesi sui lieviti, e non per ultimo, il suo Passito di Erbaluce 2004 pieno di profumi che ci ricordano alcuni Sherry. L’Emilia Romagna tutta, con i suoi Sangiovese spumantizzati in rosato, eccellenti, la Toscana Az. Mannucci Droandi per i suoi vini di nicchia: il Barsaglina, il Pugnitello e il Foglia Tonda. La Sicilia tutta sia per il giusto prestigio che meritano i suoi Marsala presenti con la cantina Martinez, che per tutti i profumi dell'Etna arrivati fino a qui grazie al Nerello Mescalese della Cantina Monte Corna e spostandosi verso Enna con gli ottimi prodotti dell'Azienda Funaro.

Il giorno seguente invece si è parlato e giudicato l'Alto Adige presente alla XVI edizione di Vinea Tirolensis dove anche qui il consorzio di Vignaioli indipendenti della Regione ha mostrato, con orgoglio, il meglio di sé con tutti i meravigliosi prodotti presenti in Provincia. Il 22 ottobre invece si è passato al Tasting Lagrein dove il più conosciuto degli autoctoni della zona ha mostrato tutte le sue immense qualità conosciute da tutti gli appassionati. Per quest'evento la Fondazione Italiana Sommelier ha avuto il privilegio dell'ingresso completamente gratis, uno dei tanti vantaggi di essere associato e di far parte di questa grande famiglia. Per i curiosi, ci sono state per ogni evento premiazioni e riconoscimenti che potete trovare sul sito dell'ente fiera www.fierabolzano.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina