Oscar del vino
Premio Internazionale del Vino
Tutti gli anni
2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - 2010 - 2009 - 2008 - 2007 - 2006 - 2005 - 2004 - 2003 - 2002 - 2001 - 2000 - 1999

Oscar del Vino 2005

Assegnati a Roma gli Oscar del Vino 2005 - 19 Giugno 2005

Sullo sfondo della magnifica scenografia ideata dagli architetti Giammetta, nel Salone dei Cavalieri all’Hilton di Roma, si sono avvicendati sul palco premiatori e vincitori del prestigioso premio assegnato a chi, nel mondo del vino, si è contraddistinto per il suo operato nel corso di quest’ultimo anno.

Circondati da splendidi trionfi di girasoli, Antonella Clerici, reduce dal successo di Sanremo 2005, e Franco M. Ricci hanno presentato l’evento che ha ospitato un parterre d’eccezione, con la presenza di numerosi vip del mondo del vino, dello spettacolo e della cultura, per un grande show seguito da un pubblico numeroso e selezionato.

Tutti insieme hanno partecipato all’evento del vino più emozionante dell’anno.

Tra i premiatori: Al Bano, Gigi Proietti, Anna Falchi, Enrico Montesano, Pippo Franco, Marco Columbro, Rita Dalla Chiesa, Osvaldo Bevilacqua, Mimmo Locasciulli, Francesca Chillemi, Patrizia Pellegrino, Emanuela Falcetti, Katia Noventa, Bruno Pizzul, Lamberto Sposini.

I 15 OSCAR sono stati consegnati a coloro che nel mondo del vino hanno raccolto i maggiori consensi tra i lettori di DUEMILAVINI, la celebre guida - cult della cultura enologica italiana, della rivista patinata BIBENDA, e dai navigatori del sito www.bibenda.it.

Attraverso una scheda i lettori hanno stabilito i finalisti, tre per categoria, che si sono contesi la preziosa opera in bronzo, ormai un ambito riconoscimento internazionale. Inoltre, è stato consegnato il Premio Speciale della Giuria a Giacomo Tachis, praticamente il padre della nuova enologia italiana.

L’Oscar del Vino 2005 è stato trasmesso in tv su Rai Uno Martedì 21 Giugno 2005.

Categorie, premiatori, vincitori e candidati

Miglior Vino Bianco
Oscar ex-aequo consegnato da Katia Noventa a:
Trebbiano d'Abruzzo 2001 - Valentini - Loreto Aprutino (Pescara)
Bianco Breg 2000 - Josko Gravner - Oslavia (Gorizia)
Miglior Vino Rosso
Oscar consegnato da Osvaldo Bevilacqua a:
Bolgheri Superiore Ornellaia 2001 – Tenuta dell’Ornellaia – Bolgheri (Livorno)
Miglior Vino Rosato
Oscar consegnato da Emanuela Falcetti a:
Five Roses 60° Anno 2003 – Leone de Castris – Salice Talentino (Lecce)
Miglior Vino Spumante
Oscar consegnato da Rita Dalla Chiesa a:
Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 1995 – Ferrari - Trento
Miglior Vino Dolce
Oscar consegnato da Enrico Montesano a:
Marsala 1939 – Florio – Marsala (Trapani)
Miglior Vino Straniero
Oscar consegnato da Patrizia Pellegrino a:
Champagne Substance – Jacques Selosse – Champagne (Francia)
Miglior Rapporto Qualità Prezzo
Oscar consegnato da Marco Columbro a:
Nero d’Avola 2003 – Morgante - Grotte (Agrigento)
Migliore Etichetta
Oscar consegnato da Gigi Proietti a:
Flaccianello della Pieve 2001 – Fontodi – Panzano in Chianti (Firenze)
Miglior Produttore
Oscar consegnato da Lamberto Sposini a:
Roberto Voerzio – La Morra (Cuneo)
Migliore Azienda
Oscar consegnato da Pippo Franco a:
Felsina – Castelnuovo Berardenga (Siena)
Miglior Enologo
Oscar consegnato da Francesca Chillemi a:
Guido Rivella – Enologo Gaja – Barbaresco (Cuneo)
Miglior Giornalista
Oscar consegnato da Al Bano a:
Enzo Vizzari – Editoriale l’Espresso
Miglior Sommelier nel Ristorante
Oscar consegnato da Terenzio Medri a:
Luca Gardini – Enoteca Pinchiorri – Firenze
Migliore Enoteca
Oscar consegnato da Anna Falchi a:
Enoteca dall’Enologo Consonni – Giussano (Milano)
Oscar Premio Speciale della Giuria
Oscar consegnato da Bruno Pizzul a Giacomo Tachis, con la seguente motivazione:

“Primo artefice del rinnovamento dell'Enologia italiana, i prodotti da lui realizzati hanno raggiunto i massimi livelli del pianeta vino.
Oggi è l'autore, di grande successo, delle considerevoli innovazioni di Sicilia e Sardegna, terre elette ed esaltate dal suo lavoro, dal suo ingegno.
Qualcuno lo ha definito "il pirata" per la sua indomita volontà di colonizzare la qualità e di “assalire” gli irresponsabili.
Ma anche per l'audacia delle sue scelte, determinate dalla grande abilità professionale e dalle sue straordinarie intuizioni.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA