Bibenda
Vino & Arte
Fare del vino, berlo, assaggiarlo costituisce un atto estetico, nel senso più esteso e radicale del termine: il significato greco di "aisthesis", difatti, indica le informazioni ricevute attraverso i sensi o il corpo
TORNA ALLA DIDATTICA
L'idea, alla base di questo progetto, è quella di tracciare una storia sociale e culturale del vino, partendo da specifiche competenze umanistiche (archeologiche, storiche, storico-artistiche), dal momento della sua scoperta all'età moderna, definendo in questo arco cronologico quel legame fortissimo che da sempre il prezioso nettare ha con la cultura materiale, archeologica e artistica italiana. Anche perché fare del vino, berlo, assaggiarlo costituisce un atto estetico, nel senso più esteso e radicale del termine: il significato greco di "aisthesis", difatti, indica le informazioni ricevute attraverso i sensi o il corpo.
 
Un percorso che si articola lungo sei lezioni in aula e due visite guidate in esterna, in cui il vino viene colto nei suoi molteplici aspetti: dal ruolo giocato nella vita sociale, rituale e religiosa, a quello nella vita politica e, più tardi, al legame con i grandi artisti – in particolare con i geni del nostro Rinascimento – che hanno avuto in qualche modo a che fare con il vino ma anche con il cibo e che, proprio relativamente ai banchetti, hanno prodotto opere d’arte oggi andate perdute. Altrettanto interessanti sono anche gli “utensili” del vino: dai bellissimi vasi greci che si possono ammirare nei puù importanti musei del mondo, ai bicchieri dipinti nei quadri da grandi artisti.
 
Ad ogni lezione si potranno degustare 6 vini scelti in stretta relazione con l’argomento trattato.

IL MATERIALE DIDATTICO
Quaderno vademecum con le schede per l’analisi sensoriale dei vini
TEMI DEGLI INCONTRI
TEMI DEGLI INCONTRI
LA CARTA DEI VINI
LA CARTA DEI VINI
INFO E COSTI
INFO E COSTI