Bibenda
SOMMELIER NOTIZIE 55
Tutte le degustazioni ed i corsi a Roma, nel Lazio e nel resto d'Italia
TUTTE LE ATTIVITÀ
A Roma / Albeisa: le Langhe in bottiglia
Banchi d’assaggio dalle ore 16 alle 21,00 presso l'Hotel Rome Cavalieri - Via Alberto Cadlolo, 101
Venerdì 29 Novembre 2019
Roma - Sede Centrale
Orario: 16:00 - 21:00
-
Il termine ultimo per l'acquisto 28/11/2019 è scaduto.
Fotografia La nascita della bottiglia Albeisa risale alla fine del 1700 quando alcuni produttori delle Langhe chiedono alle antiche Vetrerie di Poirino, appena fuori Torino, di produrre per i propri vini una nuova bottiglia, realizzata a mano, un po’ borgognotta, un po’ bordolese. L’uso si diffonde tra i produttori di Alba per poi sparire, pochi anni dopo, quando l’industrializzazione del vetro rende difficile la produzione di questo prodotto artigianale. È così che, nel giro di qualche decennio, l’originale bottiglia Albeisa trova sempre meno spazio, fino a perdersi quasi del tutto.

La Rinascita avviene nel 1973, grazie a 16 produttori albesi, ispirati dal visionario Renato Ratti. La bottiglia ALBEISA la “B.O.C.G.” delle Langhe viene riprodotta e regolamentata tramite un preciso Statuto, che mai prima era stato messo in atto per disciplinare e controllare l’utilizzo di un contenitore. L’innovazione, unica nel suo genere, non è quella di riprodurre una vecchia bottiglia ma quella di legarla ad un territorio e di regolamentarne il suo utilizzo all’interno del territorio stesso. Compito dell’Associazione dei Produttori dell’Albese è quello di indicare la possibilità di impiego, sulle varietà e sulle DOC/DOCG che essa può contenere.

Attualmente sono oltre 300 i produttori che fanno parte dell’Associazione Albeisa.

Oggi assaggeremo una selezione di alcune aziende che attraverso una bottiglia dichiarano a tutto il mondo il legame forte con il proprio territorio.



L’elenco dei produttori che parteciperanno all’evento:
ALESSANDRO RIVETTO
ANGELO NEGRO E FIGLI
BAJAJ
BORGOGNO RIVATA
BRIC CASTELVEJ
CA' RICHETA
CASCINA MORASSINO
CRISTIAN BOFFA
DIEGO MORRA
DIEGO PRESSENDA
EMANUELE ROLFO
EMILIO VADA
FEDERICO BONGIOANNI
FIGLI LUIGI ODDERO
FRANCESCO BOSCHIS
FRANCESCO RINALDI
FRANCO  CONTERNO CASCINA SCIULUN
FRANCONE
FRATELLI ABRIGO
FRATELLI BORGOGNO
FRATELLI GRASSO
FRATELLI MANERA
FRATELLI RABINO
GHIOMO
GIACOMO FENOCCHIO
GIAN CARLO BURLOTTO
GIANFRANCO BOVIO
GIGI ROSSO
IL BRICCO
LIVIA FONTANA
MARCO E VITTORIO ADRIANO
MARIO RIVETTI
MAURO MARENGO
PELISSERO
PUNSET
REVA
RIZIERI
SORDO
TAVERNA
TERRENOSTRE
VALLETTI


 
Oltre all’evento a Banco d’Assaggio, si svolgerà in un’altra sala, il Seminario di degustazione "Albeisa: le diverse espressioni delle Langhe in bottiglia". Posti limitati.
 


Prenotazione: obbligatoria
Contributo di partecipazione: ingresso gratuito
Tutte le attività, sia nel caso di ingresso gratuito, sia quelle per le quali viene chiesto un contributo di partecipazione, sono riservate esclusivamente agli iscritti alla Fondazione Italiana Sommelier per l’anno relativo.
In via eccezionale, ad alcune attività è consentita la partecipazione anche ad un massimo di 2 ospiti/accompagnatori non iscritti.
Contributo di partecipazione accompagnatore: 10 Euro



L’eventuale impossibilità di partecipare all’evento prenotato va comunicata al massimo 2 giorni prima della data prevista.
 
Per partecipare
Per prenotare attività e corsi è necessario essere registrati al sito web www.bibenda.it.
Ecco le modalità a disposizione per gli eventi che prevedono un contributo di partecipazione:
  • Carta di Credito
    Versamento del contributo con Carta di Credito seguendo la procedura “acquisto online”
  • Carta Prepagata
    È possibile attivare un credito telematico iniziale a partire da 50 Euro, ricaricabile anche solo per 2 Euro senza costi aggiuntivi, utilizzabile per acquistare tutti gli eventi e i corsi. Il credito può essere acquistato online oppure presso il nostro showroom BIBENDAMANIA al Piano Terra dell’Hotel Rome Cavalieri.
  • Altre Forme di Pagamento
    Presso BIBENDAMANIA, in contanti, bancomat e assegni, dov’è possibile farsi registrare su www.bibenda.it
Regole per la partecipazione ad attività e corsi (in presenza e/o online)

La partecipazione all’evento/corso è consentita solo agli Iscritti alla Fondazione Italiana Sommelier in regola con la quota annuale.
In particolare, per quanto riguarda corsi/eventi in presenza, quando l’Attività prevede “Eccezionalmente gli iscritti possono venire accompagnati da due amici o clienti” significa che gli Iscritti di Fondazione possono prenotare al massimo per altre 2 persone. Queste, potranno entrare in sala di degustazione soltanto insieme all’iscritto.
Nel partecipare agli eventi (corsi, degustazioni, ecc.), si raccomanda di prestare particolare cura al proprio abbigliamento in considerazione dell’alto profilo delle nostre attività e dell’albergo in cui si svolgono.
In particolare, durante il periodo estivo, evitare l’abbigliamento da spiaggia, come pantaloni corti o semi corti, sandali e simili.
L’uso di profumi penetranti altera la percezione dei sentori del vino. Ne sconsigliamo pertanto l’uso, per non condizionare la propria e l’altrui degustazione.
In Sala di degustazione sono vietati l’uso del telefono e le registrazioni audio-video.
Prima del termine della degustazione non è ragionevolmente possibile lasciare la Sala per non arrecare disturbo.
Suggeriamo di presentarsi all’ingresso con qualche minuto di anticipo. Le nostre attività iniziano e terminano sempre con la massima puntualità. Per questo motivo, non possiamo consentire l’ingresso oltre l’orario stabilito di inizio e non sono previsti rimborsi. La sala di degustazione chiude all’inizio dell’evento.

Annotazioni per la partecipazione
Nelle Sale di Degustazione non è consentito l’uso del telefono e sono altresì vietate le registrazioni audio-video. I partecipanti sono invitati a non utilizzare profumi penetranti che pregiudicano una corretta degustazione. Prestare particolare cura al proprio abbigliamento. Durante il periodo estivo non sono ammessi pantaloni corti o indumenti simili.
Ricordiamo che per frequentare i corsi e le attività è necessaria l'iscrizione alla Fondazione Italiana Sommelier
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina