Degustazioni
Tutte le degustazioni nel Lazio di Fondazione Italiana Sommelier

A Roma / Casale del Giglio: Bellone Radix Anteprima Assoluta

Singolo turno serale dalle ore 18 alle ore 20,30 presso l'Hotel Rome Cavalieri - Via Alberto Cadlolo, 101

Lunedì 24 Giugno 2019
Lazio - Sede centrale
Orario: 18:00 - 20:30 - Prezzo: 0,00 € - Posti gratuiti: 1
Fotografia
L’azienda Casale del Giglio è ormai considerata un importante punto di riferimento nel panorama vitivinicolo laziale e non solo. La sua storia, in oltre 50 anni, è caratterizzata da molteplici sperimentazioni attuate sui vitigni, nazionali e internazionali e sulla ricerca di modelli di produzione sempre nuovi.
Grande attenzione è sempre stata rivolta alla riscoperta e valorizzazione di vitigni autoctoni. Un efficace esempio ci è fornito dal Bellone, varietà antichissima, nota già ai Romani come “uva pantastica”, cioè “uva pane”, nome conseguito forse dalla buccia spessa o probabilmente perché i Romani erano soliti mangiarla con il pane.
Da un vigneto impiantato nel 1950 ad Anzio su terreni sabbiosi a piede franco, Casale del Giglio ha deciso di produrre, a partire dal 2014, l’Anthium. L’enologo Paolo Tiefenthaler, capendo il potenziale evolutivo della varietà, ha deciso di testare la longevità del Bellone, sperimentando un invecchiamento prima in botte, seguito da un periodo di affinamento in anfora.
Nasce così Radix – Bellone 2015, un progetto ambizioso che viene presentato per la prima volta, in anteprima assoluta, dal patron Antonio Santarelli e dalla nostra docente Daniela Scrobogna all’attento e sempre curioso pubblico di Fondazione Italiana Sommelier.
 
 
Le etichette in degustazione
Bellone Anthium 2018
Bellone Radix 2015
Mater Matuta 2015

 
 
Al termine della degustazione proveremo l’abbinamento con due prodotti di eccellenza assoluta:
la Culatta di Itri di Scherzerino e il Pecorino di Sommati (Amatrice) di Roberto Casale.




Prenotazione: obbligatoria.  Contributo di partecipazione: ingresso gratuito.
Tutte le attività, sia nel caso di ingresso gratuito, sia quelle per le quali viene chiesto un contributo di partecipazione, sono riservate esclusivamente agli iscritti alla Fondazione Italiana Sommelier per l’anno relativo.
 
L’eventuale impossibilità di partecipare all’evento prenotato va comunicata al massimo 2 giorni prima della data prevista.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina