Notizie
Home > Notizie > Rockpool, una perla di Sidney

Rockpool, una perla di Sidney

Alessandro Ragazzo
Dal n.43 di
Fotografia

Rockpool è un nome che risuona nelle strade e nei sobborghi storici di Sidney, un ristorante che porta la firma di uno dei più famosi chef Australiani, dal talento innovativo e dalla grande passione culinaria. Neil Perry è colui che ha iniziato il mondo Rockpool, con il primo ristorante aperto alla fine degli anni Ottanta dopo tante esperienze nei sobborghi e nei posti più in di Sydney. In pochi anni ha trasformato questo ristorante in un tempio della cucina moderna, dove vengono presentati piatti non solo dall’esecuzione originale, ma sopratutto prodotti di prima qualità che hanno esaltato con gli anni la gastronomia australiana. Premi importanti e riconoscimenti in ambito nazionale hanno reso il Rockpool un ristorante a marchio di alta cucina, portando chef Perry ad aprire altri locali a Melbourne e Perth. Da chef a consulente per la Qantas Airway, da leader in cucina ad autore di libri, da cuoco creativo e innovativo a businessman, un percorso che continua ininterrottamente, una storia che porta il peso degli anni di ricerca, di esperienza ma sopratutto la voglia di voler e poter fare di più.

La mia esperienza al Rockpool on George street è stata non programmata, bisogna essere più che altro preparati perché non sempre si ha la giusta percezione del posto e chi non conosce come lavora il Rookpool Restaurant potrebbe inciampare in esperienze forse poco gradite perché male interpretate. L’atmosfera è subito di quelle stravaganti e a prima vista sembra eccitante, quasi coinvolgente. Il tavolo è quello della foto, una coincidenza o destino? Fate voi. Il menu inizia con una serie di piatti di prima e seconda portata, poi piatti principali e dolci, seguiti da una lunga lista di formaggi francese, australiani e scozzesi. Pesce, carne, piatti vegetariani ma sopratutto materia prima di qualità come l’aragosta della Tasmania, capesante dalla Baia di Hervey in Queensland o la sella di agnello del Sud Australia. Si percepisce anche una oramai nota influenza asiatica in questi piatti, dovuta anche dalla passione dello chef per la cucina nipponica-cinese, un segnale che oggi evidenzia la cucina Australiana sempre più multiculturale. C’è anche un po’ di italianità in uno dei suoi piatti, che non nomino perché un tentativo andato a vuoto, anche se ci sono cascato come si suol dire con tutte le… posate.

La carta dei vini non può non essere che lunga e articolata, con vini di qualità, nomi importanti e luoghi importanti. La mia scelta è rimasta su un vino Australiano, perché secondo me c’è tanto da imparare e ancora di più apprezzare. Un Riesling vendemmia 2004 dalla regione vinicola Henty, nella Western Victoria (Stato del Victoria). Crowford River il nome dell’azienda, un Riesling dalle note soffici e polpose, palato fresco, ampio e abbastanza complesso. Nonostante l’età ancora in grado di mantenere quasi per intero la sua struttura, in continuo cambiamento bicchiere dopo bicchiere, per poi stabilizzarsi e diventare pura espressione di acidità e longevità. Ne è valsa la pena insomma, sopratutto per la conferma della grande qualità dei prodotti australiani, magnifici interpreti della cucina locale.

Rockpool on George
107 George Street
The Rocks NSW 2000
Sidney
Tel. 0061 2 92521888
www.rockpool.com
enquire@rockpool.com.au
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina