Notizie
Home > Notizie > Chiara, il Vigo e le etichette d’autore

Chiara, il Vigo e le etichette d’autore

Roberto Greco
Dal n.30 di
Fotografia

“Con l’espressione etichetta d’autore non si vuole esprimere un giudizio estetico sull’etichetta, ma soffermare l’attenzione sull’autorialità prima ancora che sull’artisticità”. È quanto afferma la giovane produttrice catanese, Chiara Vigo, autrice del libro “Arte e vino. L’etichetta d’autore come immagine del gusto”, un’opera realizzata subito dopo aver conseguito il dottorato in Scienze delle Arti della Scuola Studi Avanzati di Venezia, discutendo una tesi sulle etichette create dagli artisti. È un lavoro che porta alla luce, attraverso una serie di strumenti piuttosto dettagliati, quel filo sottile che lega nello spazio di un’etichetta, casa vinicola e degustatore, artista e osservatore, arte e vino. Insieme alla madre Rosanna Romeo del Castello, gestisce l’azienda vinicola Fattorie Romeo del Castello, un antico possedimento di famiglia posto a settecento metri d’altezza in contrada Allegracore, sul versante nord dell’Etna, nel comune di Randazzo. Qui nel 1981, una consistente eruzione vulcanica distrusse gran parte della proprietà, portando via definitamente noccioleti e pereti, deviando miracolosamente il percorso davanti a un vecchio vigneto e risparmiando così anche gli antichi fabbricati rurali, posti sulla stessa direzione della vigna. Un’azienda al femminile, dunque, come ci conferma la madre Rosanna, un’imprenditrice dalla personalità concreta, quando descrive l’Etna Rosso Vigo, la loro prima etichetta. “Il vino - spiega - è ottenuto quasi esclusivamente da uve Nerello Mascalese, frutto di una vigna centenaria allevata ad alberello, e piccole percentuali di Nerello Cappuccio”. Quattromila bottiglie nell’annata 2007, che diventeranno 8.000 con la 2008. Racconta che le immagini delle etichette delle prime quattro annate del Vigo, compongono un progetto denominato Carta Atopica, un avvicendamento progressivo in quattro tempi a Fattorie Romeo del Castello, un percorso concettuale attraverso diverse forme di cartografia, senza indicare il luogo. Grazie all'aggiornamento del Disciplinare dell'Etna Doc, è oggi possibile far comparire in etichetta il nome della contrada di produzione delle uve. Per tale ragione, prossimamente, uscirà un nuovo vino dell'azienda chiamato Allegracore Etna Rosso, ottenuto sempre con Nerello Mascalese. Nei locali del palmento, Chiara cura personalmente il Museo della vite, del vino e dell’etichetta, dove sono ospitate oltre alla collezione di etichette e bottiglie d’autore, anche una serie di antiche attrezzature agricole.

Abbiamo degustato l’Etna Rosso Vigo, millesimo 2008, un vino dal carattere raffinato e di temperamento, che rispecchia fedelmente le due distinte personalità di Chiara e di Rosanna. Veste color rubino di grande concentrazione. Colpisce per la sua eleganza e schiettezza aromatica che si concede gradualmente, alternando note di ribes rosso, amarene e more, a un bouquet di viole e rosa canina, il tutto avvolto da sentori di macchia mediterranea, erbe aromatiche, cenni ferrosi e venature minerali. La bocca è ben impostata, morbida, dotata di spessore e sostenuta da una nobile trama tannica e da una spalla acida, quest’ultima ben bilanciata, nel finale, dalla giusta nota glicerica. Fermentazione in acciaio e macerazione sulle bucce per 12 giorni. Seguono malolattica spontanea e maturazione in barrique di secondo e terzo passaggio. Successivo affinamento in bottiglia per un anno. Ottimo su una zuppa di melanzane con filetto di lepre e polenta gratinata al ginepro e salvia.

Fattorie Romeo del Castello
S.P. 89 Contrada Allegracore
95036 Randazzo (Ct)
Tel. 095 7991992
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina