Notizie
Home > Notizie > IL TEMPO DI SABATO 17 SETTEMBRE 2016

IL TEMPO DI SABATO 17 SETTEMBRE 2016

Fotografia Vino
 
Pink Label 2014
I Balzini
Loc. Pastine, 19 - 50021 Barberino Val d’Elsa FI
Rosato Igt - Sangiovese 80%, Merlot 20% - 12,5% - € 11 - 4 Grappoli Bibenda: Vini di grande livello e spiccato pregio.
Sono i piccoli balzi di terra a terrazze (balzini) che danno il nome all’azienda - intrisi nel suolo di quel mare che in epoca preistorica bagnava i territori  delle colline di Barberino Val d’Elsa dove oggi si trovano le belle vigne di questa realtà toscana. A curarle con metodi biologici rigorosi è l’agronomo Roberto Lamorgese, mentre la gestione della cantina è affidata alle sapienti mani di Barbara Tamburini che con il suo delicato tocco femminile e salde capacità tecniche, riesce sempre a stupire anche i più tenaci sostenitori dell’enologia d’antan. Tutto ciò si riflette in vini realizzati con molto cuore e spirito naturalistico espresso perfettamente nel rosé Pink Label, a cui rese avare in vigna e lavorazione in acciaio hanno donato uno splendido colore cerasuolo, preludio di bouquet intenso. Le note di frutti di bosco, alloro, pepe bianco e un velo minerale, poggiano su una bocca morbida e invitante, rinfrescata da giusta acidità e prezioso finale balsamico. Rosato gioioso da gustare su tartare di tonno al profumo d’arancia.
 

Olio
 
Olio E.V.O. Monocultivar Frantoio 2015
I Greppi di Silli - Miciolo
Via Vallacchio, 19 - 50026 San Casciano Val di Pesa FI
Extravergine - Frantoio 100% - € 20 (0,500 l) - 4 Gocce Bibenda: Oli di grande livello e spiccato pregio.
Bravi tre volte Anna e Giuliano Alfani perché producono ottimi extravergine, vini di livello e miele prelibato. La cura e la materia prima in questa fattoria di San Casciano Val di Pesa sono in sintonia, e così in un’epoca in cui sono tanti gli improvvisati, qui si fa qualità fin dagli anni Trenta, quando la proprietà fu acquistata. Per scoprire sapori autentici e vivere della bellezza di questa natura, si può inoltre trascorrere una vacanza in pieno relax nell’agriturismo di casa, circondati da oliveti in parte secolari dove primeggiano le cultivar più rinomate di zona. Gli oli prodotti ben manifestano il terroir d’appartenenza e il grande lavoro di cernita in fase di raccolta, nonché frangiture rapidissime realizzate a ciclo continuo. Tra questi il Frantoio ha senz’altro una marcia in più: splendido nel suo colore verde-oro, con naso dolcissimo di frutta matura, poi pomodoro, carciofo e netti ricordi di salvia. Ricco ed equilibrato, regala all’assaggio ritorni vegetali e pennellate gradevolmente amare e piccanti in chiusura. Bastano poche gocce per dare verve all’insalata di polpo.
 

Ristorante
 
Osteria di Passignano
50028 Via Passignano, 33 - Tavernelle Val di Pesa FI
Chiusura: Domenica - Ferie: dal 10 gennaio al 10 febbraio - Coperti: 50 - Etichette: 870 - Sommelier - Entro 100 € - 4 Baci Bibenda: Vale il viaggio, ristorazione elevata. Questo bel locale rappresenta un raro esempio di fusione tra storia, grandi capacità enogastronomiche, attaccamento profondo alle tradizioni del territorio, alta qualità. Nel 2000 il buongustaio Marcello Crini e Allegra Antinori, appartenente ad una delle dinastie storiche del vino italiano, fondano l’Osteria di Passignano nel cuore del Chianti Classico. Il ristorante sorge nella Toscana più bella, quella che ti porta per mano nella storia di un antico convento tutt’oggi abitato dai monaci Vallombrosiani che sin dal Medioevo, magari all’ombra di un cipresso, studiano testi classici e musica dotta. I piatti proposti dallo chef Nicola Damiani sono creativi, audaci, pur rivisitando intelligentemente la tradizione. Ci si abbandona così ad antipasti sfiziosi come la sfoglia di rosso d’uovo farcito di tartara di manzo, a risotti in cui il pesce diventa protagonista delle colline chiantigiane, a prelibati secondi di selvaggina o di mare da far invidia a ristoranti su battigia. Servizio e vini sono al top, ottima e vasta la selezione delle annate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina