Notizie
Home > Notizie > Chianti Selezione Oro di Piccini, superba espressione di terroir

Chianti Selezione Oro di Piccini, superba espressione di terroir

Salvatore Marsillo
Dal n.127 di
Fotografia

Cupissimo nel colore, il Chianti Selezione Oro Riserva delle Tenute Piccini non lascia filtrare alcuna luce se non fugaci lampi sanguigni. Altrettanto cupo il profumo, timbrato da sentori di cuoio invecchiato, canna di fucile, sigaro, coriandolo essiccato, semi di cumino, terriccio, funghi disidratati, frutta rossa cotta e una folata di mammola appassita a dichiarare ampiamente iniziata la fase di terziarizzazione. Il palato, tannico e corposo, quasi masticabile per la ricchezza di elementi estrattivi, si articola lungo il tracciante minerale, vera spina dorsale di questo vino esuberante ma non sopra le righe; infatti proprio nella lunga e pulita irradiazione ferrosa trova la sua cifra stilistica, il suo personale canone di eleganza. Ad accrescere l’armonia generale la compiuta integrazione dei legni di maturazione, ricordiamo al riguardo che il 70% del blend ha trascorso 9 mesi in botti di rovere mentre il 30% ha maturato in legni piccoli per lo stesso periodo.

In questi termini l’annata 2004, già ai primi sorsi, ci parla di sé, generosa nel descrivere la propria identità organolettica, prodiga di dettagli sulle sue radici territoriali e sulla cantina, o meglio sul modus operandi della cantina, in cui ha visto la luce, l’azienda Piccini. In realtà, se si parla di Piccini bisogna specificare il dove e il quando, infatti il Gruppo Piccini è uno dei nomi storici della Toscana in cui possiede diverse aziende per un totale di 400 ettari, dislocate nelle aree vitivinicole più prestigiose, con un focus particolare su Chianti e Chianti Classico.

A mettere il proprio sigillo sul Selezione Oro - un blend di uve Sangiovese con una piccola percentuale di Cabernet Sauvignon, provenienti da terreni composti da argilla, galestro e albererse, un calcare marnoso a grana fine, che rende i vini tannici, strutturati e molto intensi - è la tenuta più antica della famiglia, chiamata semplicemente Piccini, fondata nel 1882 dal capostipite Angiolo e situata a Castellina in Chianti, una delle 8 cittadine attraverso le quali si snoda la Via Chiantigiana. L’azienda Piccini oggi è guidata dalla quarta generazione, i fratelli Mario e Martina, i quali, pur custodendo gelosamente i valori della tradizione famigliare, hanno voluto traghettare l’azienda verso un approccio più moderno di “fare, comunicare e diffondere il vino”; per questo si avvalgono in Italia di una squadra di giovani professionisti, tra cui l’enologo Antonella Conti, mentre per l’estero hanno costruito una rete di distribuzione in oltre 70 nazioni, una diffusione che ha permesso a Piccini di diventare uno dei brand toscani più conosciuti e apprezzati nel mondo.

Tenute Piccini
Loc. Piazzole 53011
Castellina in Chianti (SI)
Tel. 0577 54011
www.tenutepiccini.it
info@tenutepiccini.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina