Notizie
Home > Notizie > Il Rosso delle Rose

Il Rosso delle Rose

Manlio Giustiniani
Dal n.175 di
Fotografia

Masseria del Feudo, azienda con un secolo di vita che racchiude la storia e la tradizione di un'azienda agricola di famiglia, Carolina e Francesco rappresentano la quarta generazione.

Il territorio vitivinicolo dei “ Castelli Nisseni”, in provincia di Caltanissetta, si trova su colline dove antiche masserie e vaste coltivazioni dominano il paesaggio, con un’’altitudine che si aggira intorno ai 600 mt. In questa parte della Sicilia e’ antica la presenza della vigna, insieme alla coltivazione dell’olivo e dei cereali.

La valorizzazione del territorio avviene in 2 filiere produttive, quella vitivinicola e quella fruttifera, che rappresentano le attivita' di un'azienda agricola estesa 110ha.

La composizione dei suoli, terreni calcareo – argillosi e le condizioni pedoclimatiche, qui infatti il clima e’ continentale con temperature medie durante l’anno piuttosto basse, e condizioni atmosferiche che determinano inverni ventilati e piuttosto rigidi; anche durante l’estate, pur avendo temperature molto alte, l’aria si mantiene secca e asciutta. Questa escursione termica e’ importante, soprattutto tra il giorno e la notte, poiche’ da’ una perfetta maturazione dei grappoli, e permette al Nero d’Avola e allo Chardonnay di trovare le condizioni ottimali di coltura, rivelando in produzione un altissimo valore organolettico e un’espressione tra le piu’ apprezzate. Nei vigneti sono stati sperimentati con esito positivo oltre al Nero d’Avola e allo Chardonnay anche  l'Insolia il Syrah e il Grillo.

I vigneti coprono una superfice collinare di 18ha, e La densita’ media e’ di 4,000 ceppi/ha. L’allevamento delle piante e’ a controspalliera, con un sistema di potatura a cordone speronato con un’eta’ media delle vigne di circa 15 anni.

Il terreno viene coltivato in biologico dal 2000 e la fertilizzazione avviene con concimi biologici, per contrastare i parassiti utilizzano rame, zolfo e prodotti di natura organica. Il lavoro tra i filari e’ manuale e il disserbo non prevede l’uso di prodotti chimici.

Per Francesco e Carolina produrre i vini seguendo l’agricoltura biologica significa coltivare valori come:

Rispettare l’ambiente

Elevare la qualita’ produttiva

Rendere i terreni sempre piu’ fertili.

Si ha una cura estrema nella raccolta e nella conservazione delle uve destinate alla vinificazione, oltre al momento ideale per staccare il grappolo dal tralcio, incide anche questa delicata fase nel risultato del prodotto finale.

La cantina sorge negli antichi fabbricati rurali della vecchia masseria, e la barricaia climatizzata si trova nei locali dell’antico palmento ed accoglie botti da 25hl di rovere francese, di diversa tostatura, L’affinamento continua in bottiglia dai 3 ai 10 mesi,    

I vini piu’ importanti dell’azienda sono


Haermosa 2013

Chardonnay 100% Doc Sicilia

Prima annata di questo vino nel 2001,

coltivato con metodo biologico, la vendemmia per lo Chardonnay viene fatta manualmente a fine agosto. Dopo una breve macerazione e pressatura soffice delle uve, il mosto fermenta con lieviti indigeni in vinificatori di acciaio inox ed una piccola parte in barrique.

Bel colore giallo oro, con una nota floreale, e agrumata, a seguire note aromatiche, erbe officinali e resina e la  tipica nota di frutta matura della varietà, L’assaggio parte con una bella spalla acida, mineralita’ e sapidita’ ben presenti, poi viene fuori la dolcezza della frutta gialla come la pesca e l’albicocca, che bilancia l’acidita’ e la sapidita’. Il finale e’ sapido e agrumato. Vino fresco e capace di evolvere nel tempo

 

 

 

Rosso delle Rose 2013

Nero d’avola Doc Sicilia,

coltivato con metodo biologico. Le uve vengono raccolte a mano nella terza decade di Settembre. Dopo una lunga macerazione e fermentazione con lieviti indigeni in vinificatori di acciaio inox, il vino affina in barrique ed in bottiglia prima di entrare in commercio.

colore rosso rubino intenso, al naso sentori di frutta rossa, prugna e ciliegia, su un fondo di note speziate, chiodi di garofano, china, tamarindo e macchia mediterranea

In bocca presenta un tannino setoso ma presente con una certa avvolgenza, il tutto sorretto da una acidità tipica che lo rende dinamico e sapido. 

Retrogusto olfattivo con il ritorno della frutta, ciliegia, lamponi e more e una nota di caffè e tipicae di questa varietà, emblema dell’enologia siciliana.

 

Masseria del Feudo
Contrada Grottarossa
93100 Caltanissetta CL 
Tel. 0934 5969719
info@masseriadelfeudo.it
www.masseriadelfeudo.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina