Notizie
Home > Notizie > L’Italia in scatola

L’Italia in scatola

L’idea di uno studente di Viticoltura ed Enologia all’Università di Bologna diventa startup.

L’Italia in scatolaLa società Flag&Wine nasce da un’idea di un ragazzo calabrese, Emilio Viscomi, studente di Viticoltura ed Enologia all’Università di Bologna.
Stanco della monotonia, che contraddistingue il mercato dei vini più famosi e celebri d’Italia, decide di concentrarsi sui vitigni autoctoni italiani con un’idea del tutto originale e innovativa.
 
Ispirato dalla passione e dall’amore che suo nonno ha sempre provato per la sua piccola vigna, definendo quasi “mistica” la fase della vendemmia, decide di mettersi in gioco con una startup unica nel suo genere. Nasce così "Italy in a box", una cantinetta contenente 20 bottiglie di vino, provenienti da 20 vitigni autoctoni di ogni regione d’Italia.
Lo scopo è quello di esaltare la Biodiversità Vitivinicola Italiana, un concetto che gli sta a cuore, patrimonio unico e inestimabile, ancora poco conosciuto e apprezzato per il valore che ricopre.
“Vorrei che chi acquista questa scatola magica si lasciasse appassionare sorso dopo sorso e immaginasse di essere nella regione di quel vino che sta assaggiando, accompagnato dagli infiniti profumi e dalle mille sensazioni che solo l’Italia del vino riesce a dare. Flag&Wine non vuole semplicemente vendere vino, ma proporre un’esperienza, accompagnando il wine lover in un viaggio nella biodiversità italiana.”
 
Attraverso il suo prodotto l’azienda di Emilio Viscomi vuole portare avanti una rivoluzione culturale ed enologica nel mondo del vino, perché “solo guardando indietro si riesce ad andare più lontano”.
 
Un progetto ambizioso. Ad Emilio gli auguri di successo della nostra redazione e l’auspicio che tanti altri giovani possano mettere in campo sempre nuove idee per la diffusione della cultura del vino.

 
L’Italia in scatola
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina