Notizie
Home > Notizie > Un’uva antica ancora attuale

Un’uva antica ancora attuale

Cinzia Bonfà
Dal n.147 di
Fotografia

Ome è un piccolo comune nella Franciacorta in provincia di Brescia. Qui insieme a Chardonnay, Pinot Nero, Cabernet e Merlot, l’azienda Majolini coltiva anche un’uva a bacca rossa rara e sconosciuta ai più: la Majolina. Di questo vitigno autoctono l’azienda ne salvaguarda 450 piante, coltivandole come una collana attorno alla Cantina e vinificandole in purezza nelle annate migliori, in pochi magnum chiusi a ceralacca. L’uva Majolina ha madre incerta e nome instabile perché mancano riferimenti bibliografici che consentono di descrivere l’origine storica dell’uva. E’ stata catalogata ufficialmente per la prima volta nel 1997, già reperita negli anni Settanta, ma solo nel nel Luglio 2014 è stata registrata nell’Elenco delle varietà di vite per uva coltivabili nel territorio della Regione Lombardia. Ha origini antiche forse risalenti al 1400. Alcuni studi portano ad associarla a Maiolini come frazione del comune di Ome e a Maiolini come cognome della famiglia che ha natali in questo territorio proprio risalenti al XV secolo. Impegnata nella produzione di splendidi Franciacorta, la Cantina Majolini ha tuttavia investito molto nelle potenzialità dell’uva con cui condivide il nome. Per questo lavoro il Signor Ezio Maiolini, Presidente dell’azienda, ha ricevuto nell’ultimo Vinitaly, il prestigioso Premio Cangrande “Benemeriti della Vitivinicoltura” dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lombardia. Alla famiglia Maiolini viene riconosciuto il merito di avere saputo rilanciare l’uva Majolina, presente solo a Ome e nell’area circostante, il cui nome, peraltro, lega inscindibilmente la Cantina Majolini al territorio.

Sostanzialmente la Majolina è un’uva vigorosa, dai frutti grandi e abbondanti, uva da contadini, in verità, fatta per dare soddisfazioni in termini quantitativi, ma nel 2001, prima annata prodotta, ha avuto una resa per pianta bassissima rispetto ai canoni di coltura contadina: meno di 1,7 kg per ceppo, contro una produzione media 5,38 kg. Dal 2001, la Cantina Majolini ha vinificato soltanto cinque annate di Majolina, un’uva che si conferma di difficile lavorazione, per una resa qualitativa all’altezza delle esigenze di un’azienda franciacortina. Nel 2012 (ultima annata) sono stati prodotti 693 Magnum. Rubino lucente. All’olfatto risulta sensibile: si mescolano molti profumi fruttati, floreali e speziati ma in modo etereo, leggiadro, come se fosse un sussurro. Note di amarena, caramellina ai frutti rossi, fiori blu si intersecano a soffi di pepe, cannella e cardamomo. In bocca si ripete la leggiadria olfattiva, con una beva suadente, fresca, di bella mineralità e con tannini sottili e levigati, fruscianti come seta. Ottime le prospettive all’evoluzione. Un nettare sferico perfetto. Chapeau!

Majolini
Via Manzoni, 3 - Loc. Valle
25050 Ome (BS)
Tel. 030 6527378 
www.majolini.it 
majolini@majolini.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina