Notizie
Home > Notizie > Podere Rocche dei Manzoni, la terra, il suono e il coraggio

Podere Rocche dei Manzoni, la terra, il suono e il coraggio

Cinzia Bonfà
Dal n.135 di
Fotografia

Valentino Migliorini era già un ristoratore di Piacenza di successo quando, nel 1974, decise di acquistare un cascinale a Monforte d’Alba, cuore pulsante delle Langhe e del territorio di produzione del Barolo. Nel 1978 iniziò la produzione del suo formidabile Spumante Metodo Classico. Nel 1998 acquistò la cantina di Ferruccio Fenocchio “Pianpolvere Soprano” in località Bussia. Purtroppo la vita riserva dei brutti cambiamenti e Valentino Migliorini muore all’improvviso nel 2007, subito dopo sua moglie e uno dei due figli. Rodolfo, il secondogenito, a poco più di 30 anni, si ritrova a dover affrontare tutto da solo, costretto a prendere decisioni più grandi di lui in totale inquietudine. Così decise di immergersi in un progetto maestoso permeato dalla memoria affettiva dei suoi cari scomparsi da poco. Le sue scelte si sono poi rivelate coraggiose e vincenti, come del resto lo furono quelle di suo padre Valentino quando, nel 1976, fu il primo a fare un blend di Langa tra Nebbiolo e Barbera e nel ‘78 il primo a introdurre le barriques per la vinificazione dei propri vini. Oggi Rodolfo, buono e gentile uomo di Langa, continua la filosofia tracciata da Valentino con grande responsabilità e passione non fermandosi mai (#neverstop si direbbe nel mondo 2.0 di Twitter) in memoria di chi è stato “Grande” e di chi gli ha trasmesso i veri valori della vita attraverso un lavoro costante.

Oggi l’azienda è costituita da 50 ettari, tutti facenti parte dello stesso comune con proprietà nei migliori e più vocati appezzamenti dell’area vitivinicola. Si utilizza una coltivazione legata a una filosofia biologica e biodinamica lasciando il terroir e l’andamento climatico a parlare per primi, per questo motivo sono prodotti solo i grandi millesimi. Tutti i Barolo e le bollicine sono coccolati nel bellissimo tempio che li ospita. Dentro, tra marmi, colonne e vari dipinti, c’è una cupola affrescata dal pittore Guy Rivoir, che collabora con l’azienda da quarant’anni. Inoltre si può ascoltare una melodia fatta espressamente per i vini che sostano lì: l’Esoconcerto (concerto di violini) “Allegro Molto”, una musica composta solo per quei vini dal famoso maestro d’orchestra “Ezio Bosso“. Attraverso le vibrazioni del suono, il vino sembra che riposi meglio in bottiglia. Il concerto si può ascoltare anche dal sito dell’azienda. “Tre nasi son quel che ci vuole per bere il Barolo”. È una breve frase di Cesare Pavese tratta dal suo romanzo “Il Compagno”. Se per degustare un Barolo secondo Pavese ci sarebbero voluti 3 nasi ecco come nasce, in casa Migliorini, il Langhe Doc Quatr Nas. L’annata 2009 è prodotta con il 50% di Nebbiolo da Barolo e il restante 50% con Pinot Nero, Cabernet Sauvignon e Merlot. La fermentazione è a temperatura controllata e il contatto con le bucce è di circa due settimane. L’affinamento avviene in barrique per 24/30 mesi e ulteriori 12 mesi in bottiglia prima di essere commercializzato. I profumi sono proprio di tutti e quattro i vitigni che lo compongono dove si esibiscono maggiormente, una rosa vellutata e una viola eterea. Gusto caleidoscopico, rotondo, elegante con tannini ben integrati al corpo.

Il Barolo Rocche dei Manzoni 2010 è un assemblaggio dei vari cru dell’azienda. Vede una fermentazione a temperatura controllata e il contatto con le bucce per 10/12 giorni. L'invecchiamento si protrae per tre anni in fusti di rovere. Un ulteriore affinamento avviene in bottiglia, nell'arco di altri 12 mesi, prima di essere messo in vendita. “Armonia” è la parola chiave di questo vino che esprime tutta la bellezza del millesimo. La viola c’è, è stregata, messa lì in tutte le sue sfaccettature. Poi s’inchinano la mora, il cassis e una leggera speziatura. Nobile e austero continua nell’assaggio regalando lunga persistenza al sorso. I vini di Migliorini sono vini corposi, pieni di energia, longevi ma anche generosi nella loro bevibilità immediata, speziati, sapidi e caldi. Vini ricchi, generati dalla terra forte di Monforte e dalla bravura di un uomo che è diventato grande attraverso “Lei” e il proprio coraggio.

Podere Rocche dei Manzoni 
Località Manzoni Soprani, 3
12065 Monforte d'Alba (CN)
Tel. 0173 78421
www.barolobig.com
info@rocchedeimanzoni.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina