Bibenda 2019

IL VINO

BIBENDA 2019
Perché andare a leggere? Per le valutazioni, per gli abbinamenti, per le descrizioni. La guida più completa in assoluto sul settore del vino in commercio. Enciclopedica, con tutti - ma proprio tutti - i dati per una consultazione all’infinito: 2.029 aziende e circa 20 mila vini degustati, tutto a portata di click, sul cellulare e sul computer.
 
Come si fa quel vino? Con quali vitigni? Quali piatti ci posso abbinare? Per quanto tempo posso conservarlo? Chi lo produce? È di buona qualità? Quanto costa? Conduzione biologica? Biodinamica? Terreni? Resa uve/ettaro? Quando si è svolta la vendemmia? Tardiva? Notturna? Denominazione? Tipologia? Come viene  lavorato in cantina? È filtrato? Fa legno? Solo acciaio? Quante bottiglie? Gradazione alcolica? Prima annata prodotta? Quali sentori sprigiona? In sostanza, quanto vale? Chi lo produce? Dove? L’azienda è aperta alle visite? Come ci si arriva? C’è un ristorante? Un agriturismo? C’è la vendita diretta? Da quanti anni l’azienda produce vini? Quali?
Una risposta a tutte queste e ad altre domande Bibenda ce l’ha!
Tutto quello che desideri sapere sul vino, su Bibenda c’è!
Fotografia

C'è perché è così che l'abbiamo pensata, desiderata e progettata nel 1999. L'abbiamo "fatta" inizialmente soprattutto per noi, scrivani del vino senza fonti alle quali attingere. E facciamocela da soli allora, su misura.
Ecco come è nata "la Guida che non c'era".

Ci prendiamo il merito, nel tempo, di aver fatto emergere territori, regioni, tipologie un tempo trascurate se non addirittura snobbate. Le abbiamo contestualizzate, con coraggio, forti di una preparazione e di un metodo condiviso, forti di una pattuglia di degustatori centrata e centrale, le cui valutazioni a confronto diretto (e ciclico) collimano al centesimo. Abbiamo così sdoganato dalla serie B regioni mai premiate prima da altre guide come la Val d’Aosta, la Liguria, il Lazio, l'Emilia Romagna... Abbiamo "scoperto" e dato luce a vini disdegnati come Rossese, Lambrusco e Frascati, siamo stati felici di farne cavalli vincenti pronti per altri cavalieri un po’ meno temerari di noi.
Anche per questo oggi dispiace essere invece penalizzati dal fatto di essere stati gli ispiratori di altri prodotti molto simili al nostro, alcuni troppo simili se non scimmiottati interamente, sebbene perfino delle sentenze abbiano intimato di smettere, il reato è stato (fin qui) reiterato 5 volte. Questo accade in Italia, purtroppo.
 
Troppe guide hanno inflazionato la partecipazione e il mercato, una partecipazione che per le aziende diventa di anno in anno più onerosa, un’emorragia di lavoro e di prodotti che di conseguenza si ripercuote sugli addetti ai lavori di storica presenza. Cosa dire alle aziende? Che basterebbe saper scegliere.
 
Duemilaventinove aziende di vino in questa edizione. Per visitarle tutte, diciamo una al giorno per ogni giorno dell’anno, compresi Natale e feste comandate, i conti sono presto fatti, ci vorrebbero circa 6 anni. Preferiamo sorvolare sui vari calcoli possibili, per ringraziare invece i Produttori per la disponibilità all’invio dei campioni presso la redazione centrale, una cortesia che ci consente di realizzare la nostra Guida in circa 5 mesi anziché in sei anni.
 
Cerchiamo di rendere un bel servizio ai nostri lettori con una corretta e completa informazione. Ecco perché non premiamo vini difficilmente disponibili. Vini che comunque vengono recensiti attraverso il loro reperimento e assaggio al ristorante o in enoteca. 

Dalle 713 aziende e 156 vini premiati con i 5 Grappoli nella prima edizione del 2000, siamo passati ad numero triplicato. Oggi siamo a 2029 aziende e 609 vini premiati in un contesto produttivo che ha visto crescere la qualità in maniera diffusa su tutto il territorio nazionale.
Realizziamo questa bella guida con dedizione e amore. Le parole affettuose, emozionate, addirittura commosse di molti produttori sono l’unico carburante del nostro entusiasmo.
Il Caporedattore Paola Simonetti
Fotografia
Fotografia