Notizie
Home > Notizie > Adesso la Regione Lazio diventa comica

Adesso la Regione Lazio diventa comica

Franco M. Ricci
Dal n.20 di
Fotografia

Ricevo, per conoscenza, dalla Sede Centrale dell’Associazione Italiana Sommelier una lettera della Regione Lazio che rimprovera alcuni Sommelier in servizio presso il padiglione Lazio del Vinitaly.

Il lavoro dei Sommelier presso la Fiera è, ovviamente, coordinato esclusivamente dall’Associazione del Veneto. La Regione Lazio rivolge nella lettera questa contestazione al Presidente dell’Associazione Italiana Sommelier:

“…alcuni Sommelier, durante il servizio, hanno provato a sottrarre bottiglie dal magazzino con l’intento di appropriarsene. Scoperta l’intenzione abbiamo evitato che il furto fosse portato a termine. Considerate le circostanze e valutando le conseguenze, abbiamo deciso che nonostante la gravità dell’accaduto, come Regione Lazio non avremmo proceduto…”

Ho subito sorriso, anzi sghignazzato, dopo una prima lettura pensando alla Birindelli (assessore all’agricoltura della Regione Lazio) in una sua splendida esclamazione: proprio coglioni questi sommelier: con tante Regioni di qualità come il Piemonte e la Toscana hanno scelto proprio la peggiore!

E questa è la prima risata. La seconda al pensiero di come avrebbero potuto punire una pseudo “intenzione di sottrarre”.

Una comicità pazzesca che ci autorizza a considerare trascurabile una circostanza che trascurabile non sarebbe per la nostra deontologia.

Ma in quella “casa Lazio” come si può evidenziare un fatto che fatto non è? E, soprattutto, proveniente da un pulpito intriso di vergognose operazioni a danno del vino del Lazio.

Poi mi sono però chiesto se ci fosse dietro una voglia di ritorsione per le nostre denunce verità. Ma no! Che ci azzeccano i Sommelier del Veneto con noi?, mi sono risposto.

Poveri sommelier, forse la vera colpa è la Lezione sui Vini del Lazio al Secondo Livello del Corso che ha provocato in loro la curiosità morbosa di cercare e acchiappare bottiglie laziali. Chissà, avrebbero forse potuto assaggiare qualcosa di buono.

Tranquilla Birindelli, non ci sono riusciti!

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina