Notizie
Home > Notizie > Remedios Madeira

Remedios Madeira

Una buona ricetta per scacciare i cattivi pensieri.

Neonila Siles
E non solo ai cattivi pensieri. A volte ci vuole un giusto rimedio al clima londinese, o ai suoi ritmi esageratamente frenetici, o semplicemente a una giornata “così”. A essere obiettivi, The Remedy è ottimo anche come cura preventiva contro il blue mood, contro malinconia, apatia, nostalgia o qualunque altra malesser-ia, ed è anche luogo adatto per il rito di “coccole time”. Ti senti coccolata già al solo pensiero della lista di Madeira pregiati, scritta con il gesso sulla lavagnetta nera, proposti al calice e decisamente affordable per un qualsiasi appassionato. Quel sensuale calore di un liquido setoso nato in mezzo all’oceano, scaldato in estufagem, cullato sulle onde immaginarie delle rimembranze marine, che avvolge l’animo in un morbido e deciso abbraccio e ti porta a navigare sulle rotte delle prelibatezze coloniali… se non è un rimedio questo!
 
Madeira: un Rimedio a Londra
Madeira: un Rimedio a LondraMa entriamo al The Remedy per farci raccontare il tutto. Il locale è piccolo e accogliente, vi regna un’atmosfera vivace e gioiosa che non scivola mai nel baldanzoso, grazie ad una magistrale gestione di Simone Sammuri e Andrea Sabbatini, due osti very friendly and competent. Il cordiale savoir faire italiano s’intreccia con l’efficienza garbata tutta londinese, è un piacere tornarci di nuovo. Legni e mattoni nell’arredamento, edenico tepore e clima conviviale mettono subito a proprio agio. Nel primo calice c’è il Blandy’s Terrantez 20 years aged (squisito! fine, con note di limone, morbido e meravigliosamente strutturato) e il tempo inizia a fluire tra le note di jazz e il racconto a sorsi di Simone.
 
  • David Clawson e Renato Catgiu, i due fondatori, si incontrano a Terroirs, locale storico di Londra, dove lavorano insieme e dove decidono, nel 2013, di proporre un concetto simile. Nasce così l’idea di un Wine Bar con prodotti di qualità a prezzi contenuti, in un ambiente confortevole che raffigura i classici Bistrò in Francia e le enoteche in Italia e Spagna. “The Remedy”, per l’appunto. Con il passare degli anni il locale non ha minimamente intaccato la sua filosofia, ed è proprio per queste ragioni che è conosciuto qui a Londra (e oltremanica) come punto di riferimento importante per gli amanti del buon cibo e del buon vino.
  • Perché questo focus sui Madeira? Cioè, perché proprio Madeira?
  • David ha una passione sfrenata per i vini Madeira. Una vera Ossessione. I Madeira sono tra i vini più importanti del mondo. Hanno una storia importante, fatta di momenti di successo (parliamo del 1800) fino ad arrivare ai tempi del Proibizionismo Americano e alla Filossera che ne hanno ridimensionato drasticamente la produzione. Questi vini ci danno l’opportunità di tornare indietro nel tempo. Un altro fattore importante è che, una volta aperti, i Madeira possono durare anche mesi!
Madeira: un Rimedio a LondraÈ tempo di riempire di nuovo il calice. La curiosità impone di seguire con il Terrantez, questa volta con un vintage. D’Oliveira Terrantez 1977 ha fascino da vendere, sia per il suo profilo gusto-olfattivo, sia per la rarità di questo vitigno. Nitido, intenso e morbido, accarezza i sensi come una veste di velluto damascato sulla pelle scaldata dai bagliori di un cammino acceso. Ardono legni di sandalo e mogano, gusci di mandorle e noci brasiliane, bastoncini di cannella, volteggiano nell’aria aromi di scorze di arance e caramello, vi si fonde vernice per barche. Al palato l'acidità tagliente prende il sopravvento, mettendo l’insieme in un equilibrio nient'altro che sorprendente. Lunghissimo, con un pizzico di amaro che è tipico per questa rarissima varietà. Già John Radford e Stephen Brook, nel loro libro “Vini Dolci e Vini da Meditazione”, uscito nel 2000, segnalavano la progressiva estinzione di Terrantez con qualche eventuale piano di reimpianto. A causa della sua fragilità e della bassa resa, è stato sostituito da varietà più prolifiche. Nel 2012 sono stati raccolti 500 kg di Terrantez sull’isola intera! Il nuovo programma del 2015 dell’Istituto di Vini di Madeira (IVBAM) prevede aiuto finanziario e assistenza vitivinicola di cinque anni a tutti coloro che iniziano a coltivare Terrantez, che è sempre stato utilizzato nella produzione di vini di alta qualità, raggiungendo i prezzi più elevati del mercato. Cépage da Madeira secchi, particolarmente intrigante grazie anche ai sentori particolari di lievito e caramello salato e al caratteristico e stravagantemente delizioso amarognolo in bocca.

 
  • Come fate a reperire queste rare bottiglie di Madeira? 
  • Normalmente ci rivolgiamo ad alcuni importatori locali, è bene sottolineare però che per quanto riguarda le bottiglie con annate importanti, abbiamo una rete di collezionisti privati alle quali ci rivolgiamo in esclusiva per il The Remedy!
  • Ma come fate a mantenere prezzi “umani” per questo vino? 
  • La nostra filosofia è quella di rendere accessibili questi vini, anche se rari e pregiati, a tutti i nostri clienti, mantenendo dei margini molto onesti. La curiosità colpisce molti clienti: c'è chi non ha mai avuto l'occasione di provare un Madeira, poi ci sono tanti addetti del settore che vogliono approfondire la conoscenza dei diversi vitigni del Madeira.
  • Il Madeira ha a che fare con il vostro successo? 
  • Sicuramente questa selezione accurata di Madeira ha contribuito in maniera rilevante ad accrescere la reputazione del The Remedy, ma non dobbiamo dimenticare che la nostra carta dei vini contiene oltre 200 etichette di primissima qualità, coprendo Champagne e vini macerati.
Madeira: un Rimedio a LondraD’Oliveira Sercial 1969. Bella annata. Il numero 69 poi, nel suo disegno, invoca giovinezza infinita, flirta con il tempo ed è anche simbolo yin yang, equilibrio. Questo Madeira conferma l’apparenza: è divinamente giovane e avvincente, nitido e giocoso, morbido e scattante, penetrante e ricco di sfumature. Irradia luce trasparente di color ambra con finissimo bordo verde, sprigiona aromi di tabacco da pipa, di rocce bagnate dall’oceano e di fiori selvatici attecchiti su di esse, di mandorle amare e di liquirizia. Persistenza minerale al palato. E’ impressionante l’armonia racchiusa nel bicchiere! L'uva Sercial, di maturazione molto tardiva, è nota per la sua acidità e produce Madeira secchi eccezionali, di corpo leggero, colore chiaro e profumi minerali. La compagnia Pereira D'Oliveira è stata fondata nel 1850 ed è ancora nelle mani della famiglia fondatrice. Si dice che D'Oliveira abbia il più impressionante storico dei Madeira (si parla di 1,5 milioni di bottiglie), compresi i vini di altri produttori o di produttori scomparsi, acquistati da questa azienda.
 
  • E’ quasi interamente italiano The Remedy. Perché Londra e non Italia? 
  • The Remedy è un locale che incarna perfettamente lo spirito londinese, con vini che provengono da diverse parti del mondo, e pietanze prettamente europee con un'attenzione particolare per l'Italia. E' la città ideale per questo connubio di culture enogastronomiche. Inoltre, David e Renato hanno costruito i loro percorsi professionali qui a Londra.
Madeira: un Rimedio a LondraD’Oliveira Verdelho 1986 è più giovane di due generazioni rispetto al vino del calice precedente, nonostante ciò sfodera portamento di un seduttore impenitente. D’altronde, il Verdelho, vitigno più snobbato tra i blasonati, abituato a lottare per non cedere il passo agli altri, sa valorizzare i propri lati forti. Arancia caramellata e crème brûlée con i fichi lo rendono ideale con dessert chocolaté di mezzanotte. Mi prometto di riassaggiarlo fra 20 anni (sic!), fiduciosa che maturerà sapientemente dentro e insieme al The Remedy. Lunga vita a entrambi!
 
Madeira: un Rimedio a Londra
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina