Notizie
Home > Notizie > Forza Eataly

Forza Eataly

Daniela Scrobogna
Dal n.12 di
Fotografia

Diciamoci la verità: quante volte abbiamo desiderato girare con un carrello tra scaffali pieni di fantastiche delikatessen - pasta di ogni forma e grandezza, olio dalle più diverse regioni d’Italia, formaggi e salumi pregiati (provenienti anche da piccole produzioni di nicchia), biscotti, pane, carne, pesce, spezie, ortaggi, sott’olio… e birra e vino di altissima qualità (tutto rigorosamente italiano) - e poi, semplicemente allungando una mano, prendere queste prelibatezze e inserirle nel nostro paniere? Nelle ipotesi più ottimistiche tutto questo ci è sempre sembrato un sogno irraggiungibile.

 

I prodotti di grande qualità inseriti nel contesto di un grande magazzino? Impossibile!

 

Ma la carta vincente di Eataly è proprio questa. Quella cioè di far sembrare alla portata di tutti, prodotti di altissimo livello. Senza intimorire, senza strombazzare e senza tappeti rossi, Eataly è riuscito nell’intento di permettere a molta gente di accedere all’eccellenza della gastronomia italiana (quella non visibile dei piccoli produttori), augurandosi che un numero sempre più grande di persone possa comprenderla e apprezzarla.

Il punto è proprio questo: per poter capire l’innovativo approccio al gusto è necessario che il consumatore sia minimamente acculturato, che afferri cioè il significato di questo importante messaggio che solo in una nazione così ricca di prodotti locali può realizzarsi. Non è obbligatoria una mera erudizione, piuttosto un atteggiamento di apertura di mente e cuore, e quindi altamente culturale, alla conoscenza, alla scoperta e alla sorpresa. Il semplice fatto di frequentare Eataly, di per sé, rappresenta già un atto di cultura e di amore nei confronti dell’enogastronomia italiana.

Per un appassionato gourmet andare in un Eataly è come andare al Luna Park: vieni attratto dai colori delle etichette, dalle diverse confezioni, dai profumi (nei vari Eataly ci sono anche molti Ristoranti) e dai reparti davvero ricchi. E come al Parco giochi il tempo vola e si deve scendere dalla giostra e tornare a casa, ma questa volta porteremo con noi gustosi trofei gastronomici che certamente renderanno migliori e più ricche le nostre tavole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina