Notizie
Home > Notizie > La favola del vino continua...

La favola del vino continua...

I testi delle retroetichette sono sempre gli stessi, scontati, retorici e prevedibili. A volte, pieni di tecnicismi incomprensibili, se non addirittura preoccupanti. Ma noi, quando compriamo un vino, vogliamo immergerci in una favola...

Stefano Milioni
Fotografia
FotografiaTutto il mondo è vigneto! Leggo sulla retroetichetta di un Suvignon blanc argentino: “I vigneti **** di **** si adagiano sui primi clivi collinari dei monti ****. I vini **** sono il frutto dell’intensa luce solare delle alte quote e dell’acqua sorgiva delle ****, ed impersonano la ricchezza di questa regione selvaggia e remota. Coltivate da oltre 100 anni dalla famiglia ****, le vigne di **** sono tra le più vocate del mondo. Il Sauvignon Blanc **** è equilibrato e ricco di sapore ed è eccellente con sushi, pesci grigliati, pollo e tacchino.
Cambiate azienda, territorio, nazione, continente o emisfero ma i testi delle retroetichette rimangono sempre gli stessi, scontati, retorici e prevedibili. E non fa alcuna differenza se il vino all’interno della bottiglia è andante, buono, artigianale, industriale, eccellente: la descrizione segue sempre gli stessi canoni salvo, qualche volta, precipitare in tecnicismi incomprensibili per il consumatore, se non addirittura preoccupanti. Ricordo ancora alcune parole a corredo di uno Chardonnay italiano di qualità eccelsa in cui si descriveva il processo produttivo citando la “defecazione dei mosti”. E magari l’occhio ti cadeva su queste parole nel bel mezzo di una cenetta romantica, davanti ad un piatto eccellente e stellato….

Si fa un gran parlare dell’equazione moda/vino ma dal mondo della moda non si vuole imparare proprio nulla. Avete mai sentito Armani parlare di machine da cucire? O lo stilista di Gucci delle tecniche con cui sono realizzati gli orli e le asole? 
Quando compriamo una bottiglia di vino compriamo un sogno e, versando il suo contenuto nel bicchiere, vogliamo immergerci in una favola. E non vogliamo che qualche tecnico illuminato ci spieghi la tecnica di costruzione delle ruote e dei mozzi della carrozza di Cenerentola. Vogliamo solo sapere dove ci porterà quella carrozza. Altro che “dura terra” e “sudore della fronte”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina