Notizie
Home > Notizie > Malanni di stagione

Malanni di stagione

La cura messa a punto dai potatori d'uva Simonit&Sirch è una tecnica chirurgica in continua sperimentazione che ha già dato ottimi risultati.

Michele Biscardi
Il mal dell'esca sul tralcio di una viteLe malattie che colpiscono le viti rientrano in quella casistica ormai ben codificate e debellabili mediante sostanze che la scienza moderna mette a disposizione dei viticoltori e che spesso risultano dannose, sotto altri aspetti, sia per l’ambiente sia per la salute.
La vite è facilmente aggredita da diverse malattie di origini crittogame (peronospera, oidio, muffa grigia,…mal d’esca) o fitofagi (tignoletta, ragnetto rosso…), favorite sia da situazioni climatiche umide o piovose, sia dall’intervento, involontario, del vignaiolo, che possono proliferare distruggendo in breve tempo foglie, fiori, grappoli e interi vigneti.
Uno dei principali strumenti di contrasto verso tali patologie è sicuramente una corretta gestione della terra, delle concimazioni e il monitoraggio continuo, per verificare l’insorgere delle malattie e, quindi, poter intervenire tempestivamente.
In breve parole “meglio prevenire che….estirpare”.
Proprio l’estirpo è stato, fino a poco tempo fa, l’unico rimedio ad una delle malattie più devastanti per le viti: il mal d’esca.
È una malattia del legno che può causare ingenti danni ai vigneti, con riflessi negativi sulla quantità, qualità della produzione e, cosa da non trascurare, anche economici.
 
Il mal d'esca sulla piantaI diversi agenti fungini responsabili del “mal dell'esca”, penetrano attraverso ferite patite dalla pianta, quelle di potatura costituiscono una via preferenziale di infezione, aggredendo la parte legnosa del fascio linfatico che è per la pianta la via per  l’acqua e per sostanze minerali.
Tale malattia provoca alcuni sintomi tipici sulle foglie: arrossamenti tra le nervature e necrosi; mentre sui grappoli appaiono maculature necrotiche.

Il mal d’esca può avere un subdolo decorso acuto e causare un attacco apoplettico irreversibile e da non sottovalutare il fatto che gli agenti patogeni possono diffondersi comunque alle piante vicine e financo al resto del vigneto, con conseguenze facilmente immaginabili.
Probabilmente è la più grave e diffusa malattia che colpisca i vigneti di tutto il mondo e, in particolar modo, quelli europei. 
 
Oggi questa malattia fa meno paura rispetto a prima, in soccorso ai viticoltori interviene la Dendrochirurgia. (descritta da Ravaz e Lafon come praticata fin dall’antichità e ripresa da Poussard alla fine dell’800, per risanare piante infette da Esca eliminando il legno cariato.)
 
La cura della pianta dei Preparatori d'Uva
La pianta dopo il trattamento Dendrochirurgico
La pianta guarita dopo la curaA riprendere e a mettere a punto una tecnica letteralmente “chirurgica” e con strumenti moderni, sono stati Simonit&Sirch Preparatori d’uva che, dopo 5 anni di lavori e sperimentazioni in vigneti italiani e francesi, sono riusciti a recuperare circa il 90-95% delle piante attaccate dal mal d’esca, con una piena produttività dopo il trattamento “dendrochirurgico”.
Banalizzando, si può paragonare l’intervento a quanto fa un dentista per curare una carie. Utilizzando delle piccole motoseghe, il tronco è aperto e sono asportate le parti intaccate dal mal d’esca.
La pianta “disintossicata” dalla malattia, riacquista nel giro di poco tempo vigore, riprende a fruttificare e torna pienamente produttiva.
Occorre tener presente anche il lato economico. Se si considera, infatti, che estirpando le piante malate e sostituendole con “barbatelle” si crea una disparità della qualità delle uve, che influisce ovviamente sulla qualità e quantità del vino.
Senza tener conto anche del costo del reimpianto e alla mancata produzione delle giovani piante per almeno 3 anni.
 
È una tecnica in continua sperimentazione e le prime prove, riferiva Marco Simonit, risalgono al 2011, fatte presso Maisons d’oltralpe e in diverse aziende sul territorio nazionale.
In 6 anni di lavoro e sperimentazione, sono state trattate o meglio “operate” più di  10.000 piante di 5 varietà (Sauvignon blanc, Chardonnay, Cabernet, Sauvignon, Cabernet Franc, Pinot nero).
 
Il mal d’esca, da sempre associata a viti piuttosto vecchie, è diffuso in tutte le aree viticole del mondo e causa gravissimi danni anche in impianti giovani.
L’importanza di questa malattia è legata soprattutto al fatto che, in questo momento, non esiste alcun prodotto in grado di contrastarla, da quando l'arsenito di sodio è stato ritirato dal commercio a causa della sua tossicità nei confronti dell'uomo e dell'ambiente.
 
SIMONIT&SIRCH PREPARATORI D’UVA
Via Papa Giovanni XXIII, 62
33040 Corno di Rosazzo UD
Tel. 0432 752417
preparatoriuva@preparatoriuva.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina