Notizie
Home > Notizie > Dal 1921

Dal 1921

Daniele Liurni
Dal n.191 di
Fotografia

L'azienda Paolo Scavino è, dal 1921, una delle maggiori rappresentanti dell'eccellenza del Barolo. Merito di una gestione familiare che negli anni ha saputo interpretare il territorio e le annate con sensibilità e precisione, non restando mai ancorata a tecniche ed idee produttive monolitiche, ma aggiornandosi e ricercando sempre la perfezione stilistica, la riconoscibilità e, soprattutto, l'emozione.

Enrico Scavino, figlio di Paolo, è il proprietario e ha le idee molto chiare sulla “querelle” tradizionalisti-modernisti che anima le terre del Barolo:

C'è chi ci chiama moderni, perché usiamo le barrique. Per me è un errore, noi abbiamo solo cercato di unire il meglio della tradizione, con il meglio dell'innovazione. La tradizione è ciò che mio padre mi ha insegnato: lavorare bene nel vigneto, avere la chioma delle viti alta e parecchie foglie in modo da proteggere i grappoli dal sole, in un clima così siccitoso, e poi la pulizia in cantina. L'innovazione consiste invece nel tipo di maturazione: noi usiamo dei fermentini che ci permettono, con le loro rotazioni temporizzate e delicate, di estrarre più colore dal Nebbiolo senza ricorrere alle follature.

Tradizione potrebbe voler dire anche continuare a fare come si faceva un tempo, quando c'era la fame e si privilegiava lavorare sulla quantità per produrre tanto. Oggi che l'attenzione è alla qualità, io ho preferito selezionare un mio clone di Nebbiolo che produce un solo grappolo per tralcio, con acini piccoli e concentrati.  E potrei fare tanti altri esempi di cose che un tempo non si facevano, eppure oggi sappiamo che sono utili, allora cosa vuol dire tradizione?


Il lavoro sulle barrique è esemplare per conoscenza della materia, studio e ricerca costanti:

Io odio i vini che sanno di barrique, noi abbiamo selezionato più di 20 tonnellerie e solo 2-3 ci hanno dato delle barrique che non rilasciano questi toni di vaniglia o di tostature. Per me questa botte ha due grandi funzioni: la prima è che fissa meglio il colore, la seconda è che il vino rimane più pulito al naso. Non ci interessa aggiungere legno al vino, le barrique che usiamo sono nuove solo per il 15% e il resto sono usate fino al settimo anno.

Il vino, per altro, sosta solo per 10-12 mesi in barrique e poi va in botte grande.

Una scelta, questa, che privilegia il territorio e i cru più importanti di cui Scavino è interprete:

Noi lavoriamo tutti i vigneti e tutti i vini nella stessa maniera, quindi la differenza che si sente nei vari cru è proprio quella data dalla terra. Non ci sono alterazioni date dall'uso dei legni o da diverse tecniche di vinificazione, proprio perché vogliamo che sia il terreno a parlare.

Il territorio langarolo, patrimonio mondiale dell'umanità, oggi riesce a esprimersi anche come ambita meta turistica ed Enrico Scavino vuole intercettare questo pubblico, con grande determinazione:

Il nostro territorio è un punto d'attrazione per un pubblico facoltoso. C'è  persino qualcuno che adesso viene per comprare dei terreni, ma a quel punto io se devo vendere preferisco dare i miei vigneti ad un piemontese e non a uno che viene da fuori, mai visto e conosciuto.

Comunque, devo fare una critica ad alcuni giovani colleghi che a mio avviso si sono un po' montati la testa e fanno pagare le degustazioni e le visite in azienda: io ai turisti metterei il tappeto rosso, stapperei sempre una bottiglia e li farei sentire importanti. Non importa se poi non comprano, perché quando torneranno nelle loro città o nei loro Paesi parleranno bene di te, saranno la tua pubblicità e se vedranno una tua bottiglia al ristorante, la compreranno.


Amano il territorio e ne amano il vino, i turisti sono sempre più interessati a conoscere le zone di produzione dei grandi vini e gli uomini che vi sono dietro. Il Barolo conquista sempre più palati, eppure non è un vino così semplice:

Il Barolo forse è un vino che,  per chi non l'ha mai assaggiato, a causa dei tannini potrebbe essere come una macchina potente, che se non hai la mano al volante, ti scappa via. É un vino che ha bisogno di tempo e molti stranieri sono abituati a vini più immediati e più facili. Per questo dico che per noi è importante che vengano qui e che siano accolti bene, siamo noi che dobbiamo spiegar loro il nostro vino e farli diventare consumatori consapevoli ed esperti. Apriamo le nostre cantine, facciamoli felici!

Un messaggio chiaro che è anche un appello a tutti i produttori, per mettersi in gioco e collaborare al raggiungimento di traguardi condivisi, sempre a vantaggio della qualità. Si è perso lo spirito di gruppo per Enrico Scavino:

10-15 anni fa c'era più unione, perché eravamo tutte aziende piccole: ci riunivamo per assaggiare i nostri vini a vicenda, facevamo cene, stavamo insieme; adesso che il lavoro è aumentato per tutti non abbiamo più molto tempo.

Un po' questa cosa manca, perché fare delle degustazioni insieme è sempre utile per capire quello che è meglio: perché noi facciamo il meglio che sappiamo, ma non è detto che sia in assoluto il meglio che si può fare.


Paolo Scavino
Via Alba Barolo, 157
12060 Castiglione Falletto CN

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina