Notizie
Home > Notizie > Lo Champagne in frac

Lo Champagne in frac

Barbara Palombo
Dal n.188 di
Fotografia

È sicuramente uno Champagne, ma non si degusta come uno Champagne; è un Cocktail, ma non si prepara miscelando diversi distillati; ha un perlage vivace, fine e frizzante, un colore brillante ed accattivante, ma non è possibile vederlo nel bicchiere perché viene servito in apposite coppe in policarbonato smaltate, non trasparenti. È una nuova elaborazione di Champagne, in produzione da qualche anno, una preziosa e moderna opportunità, un progetto unico e di recente tendenza, firmato Benoit Gouez, della Maison Moet & Chandon.

Si chiama “Moet Ice Impérial”, ed è il primo ed unico Champagne che esprime tutto se’ stesso se goduto con ghiaccio, on the rocks, e che, se anche “annacquato”, riesce a mantenere tutte le proprie caratteristiche e la propria struttura, perché appositamente progettato per essere un innovativo aperitivo per l’estate, e non solo.

Si può certamente asserire che in tutte le sue Creazioni, nel corso degli anni, Moet & Chandon ha saputo essere originale, e sempre è riuscita a fondere le nuove tecnologie e le nuove tendenze con un suo stile unico ed inconfondibile, in nome del lusso e del piacere.

La deliziosa bottiglia è “in frac”, laccata di bianco, con una cravattina nera, una etichetta color oro e la scritta in argento: è in veste pregiata, festosa e divertente, paragonata ad un elegante Pinguino nell’ultima presentazione a Parigi, e somiglia davvero ad un Pinguino, forse per il colore nero e bianco, o forse per la posizione eretta o per il carattere di questi simpatici e socievoli animali, che attraggono ed incuriosiscono.

La Cuvée è composta da Pinot Nero per il 50%, da Pinot Meunier per il 35% e da Chardonnay per il 15%; proprio dal predominante Pinot Nero questo vino acquisisce forza e corpo necessari per mantenere una salda struttura anche diluito con cubetti di ghiaccio; dal Pinot Meunier ottiene la ricchezza e la complessità aromatica, e dallo Chardonnay la finezza e l’eleganza.

È un Demi-sec, prodotto nei Cru, nei Premier Cru e nei Grand Cru delle Montagne de Reims, e della Vallée de la Marne, in Cote des Blancs, in Cote de Sezanne, in Aube e in AOC Champagne, e da queste zone, particolarmente vocate nella produzione delle uve utilizzate, con un clima, un suolo e un Terroir unico, nasce la migliore ed inimitabile espressione del Moet Ice Impérial.

Un attento e sapiente controllo delle due fermentazioni, della tecnica di torchiatura, delle temperature, della sosta sui lieviti, del remuage, e del dégorgement, e di tanto lavoro ancora, unito alla competenza e all’entusiasmo dello Chef de Cave, hanno contribuito alla creazione di questo Champagne elegante, fresco, frizzante, fascinoso ed innovativo, dotato di corpo e consistenza, aromi e perlage, gusto e sapidità.                                  La Maison va fiera di questa sfida enologica, una Cuvée specifica, studiata prevedendo l’effetto diluizione, con l’applicazione di processi di Vigna e di Cantina appropriati ed unici.

Oltre che con il ghiaccio, 3-4 cubetti a bicchiere, il piacere è sublime se si aggiunge una foglia di menta e una buccia di lime.
 


Chi scrive ha voluto provare, ed è rimasta sedotta dal primo respiro di naso, quando la sensazione di freschezza è arrivata intensa e diretta, sapore di estate e di mare, una inondazione di inebriante benessere, di odore di frutta tropicale, e di agrumi, di “salade de fruits”, di spiaggia, di salsedine…e poi, girando un po’ il nettare nel bicchiere, la dolcezza e la delicata burrosità della brioche e della boulangerie, non invadente ma presente. Il gusto è risaltato vivace e brioso fin dal primo sorso, una bocca ricca, con una predominante nota minerale e sapida, e poi, nella progressione, al palato anche l’acidità “se reveille pour une finale tonique”. Resta impresso un intenso sapore di pompelmo, di ginepro, di rosmarino, di menta e di limone. La carbonica costantemente fine e persistente nonostante l’allungamento causato dal ghiaccio. È uno Champagne speciale, che riesce a donare contemporaneamente energia e rilassamento, e la sua freschezza lascia davvero stupefatti.

Coco Chanel, icona dello stile, diceva: “ Bevo Champagne solo in due occasioni, quando sono innamorata e quando non lo sono.” Ecco…io credo che Moet Ice Impérial dovrebbe essere una bottiglia sempre disponibile, sicuramente all’occorrenza risulterà ideale per entrambe le situazioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina