Notizie
Home > Notizie > Oscar Miglior Vino Dolce

Oscar Miglior Vino Dolce

Barbara Palombo
Dal n.183 di
Fotografia

Platone definiva i vini dolci come “bevande propizie al filosofare”, mentre Socrate li considerava “un mezzo per portare alla luce verità nascoste”: certo è che si tratta di vini che infondono incantevoli emozioni, schiudono la mente e l’anima ed esprimono un connubio fra tradizione e modernità.

I Vini Dolci in nomination all’Oscar del Vino 2016 sono di grande qualità e piacevolezza, da apprezzare soli o in compagnia, da condividere romanticamente con chi ci è nel cuore o con un gruppo di amici in allegria, come aperitivo o come dopo cena… comunque e sempre pronti a scaldare e coccolare il nostro spirito e il nostro corpo.

La Sicilia ci dona nel bicchiere il radioso sole e il profumato vento delle Egadi con l’Ecrù 2013 dell’Azienda Firriato. Nella splendida isola di Favignana, con vigneti che poggiano le proprie radici su terre emerse, e nell’Agro Trapanese, su terreni prevalentemente argillosi, nascono e crescono sane uve sicialiane:  nel Giardino degli Appassimenti, tra palme e melograni, i grappoli di  Zibibbo e Malvasia si distendono sui graticci e si trasformano in un nettare inebriante. Il metodo di appassimento Firriato è un processo meticoloso, lungo e manuale, diretto alla qualità e alla gradevolezza. L’Ecrù 2013 parla della sua terra e dei suoi frutti, trasmettendo i colori, gli odori e la storia dell’antica Sicilia. Un bouquet olfattivo ricco di dolcezza e freschezza, fruttato di albicocca in confettura, di fichi freschi ed essiccati, di pesca e di melone; floreale di acacia e zagara; con toni di miele e di mandorla. Al sorso pervade una dolce eufonia di sensazioni, morbidezza e acidità in equilibrio e armonia.

Il Moscato d’Asti Vite Vecchia 2009 Ca’ d’ Gal è l’altro Dolce in gara per l’Oscar del Vino 2016 è il vino di Alessandro Boido, ptodotto da quelle uve Moscato che in Piemonte, tra le colline di Asti, esprimono eccellenza e piacevolezza. Un vino che dimostra la propria eccezionalità sia nella capacità di invecchiare sia nella sua versatilità di abbinamento. Proprio per questi motivi il Moscato d’Asti Vite Vecchia 2009 è stato definito “rivoluzionario”, perché va oltre il lato morbidamente goloso, bilanciato da sentori sapidi e dalla balsamicità delle erbe aromatiche, così da poter essere degustato sia con il panettone sia con la mortadella, come faceva il nonno di Alessandro. Un vino dalla personalità esclusiva fatta di aromi deliziosi di frutta matura, di scorze di arancia candite, di spezie dolci e un delizioso gusto, inconfondibile. Un vino davvero speciale.



Il Gewürztraminer Vendemmia Tardiva Terminum 2012
è il passito della vocata zona di Sella, della Kellerei Tramin e dell’enologo Willi Sturz; è un 100% Traminer Aromatico, vendemmiato tardivamente ed elevato in barrique di rovere francese. Il mio caro amico Filippo Busato, collega di Master, durante uno scambio di informazioni sui vini dolci, ha descritto il Terminum 2012 con delle parole che ho condiviso pienamente e che mi piace riportare testualmente perché a mio parere esprimono appieno, e in modo delicato ma incisivo, ciò che questo vino rappresenta: “…è la dolcezza di un territorio austero. Bellissima l’immagine degli acini del Gewürztraminer nella loro piena maturità, nel vigneto più alto; mentre il resto delle vigne vengono vendemmiate, l’uva per il Terminum rimane lì, rosa come il tramonto, brillante come il sole nel cielo terso dell’Alto Adige; attende il freddo e l’inverno che incede e cristallizza la freschezza e i profumi della natura e di un territorio, concentrandone l’essenza in un vino che è un distillato di Termeno e dei suoi aromi. Sentori di rosa, miele e frutta tropicale si succedono adagiati su un bordone di mineralità, invito a un sorso di grande equilibrio e freschezza, lungo e avvolgente, di rara piacevolezza. Non è un vino da dessert, questo vino è un dessert.”

La competizione fra questi tre vini si preannuncia davvero dura, ma se la parola COMPETERE, dal latino, vuol dire “andare verso” (petere), “insieme” (cum), e cioè convergere in uno stesso punto andando insieme, allora, in questi termini, non sarà una gara pericolosa, bensì sarà il raggiungimento di un grande risultato conseguito unitamente: il riconoscimento rinnovato e conclamato che ci sono vini dolci italiani di eccellente qualità e di straordinaria soavità.


Tramin   
Strada del Vino, 144
39040 Termeno BZ  
Tel. 0471 096633
info@cantinatramin.it
www.cantinatramin.it


Firriato  
Via Trapani, 4
91027 Paceco TP 
Tel. 0923 882755
info@firriato.it
www.firriato.it
 

Cà d'Gal   
Via S.V. di Valdivilla, 1 - Frazione Valdivilla
12058 S. Stefano Belbo CN  
Tel. 0141 847103
info@cadgal.it
www.cadgal.com

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina