Notizie
Home > Notizie > Le cose belle meritano sempre il Bis

Le cose belle meritano sempre il Bis

Franco M. Ricci
Dal n.183 di
Fotografia

L'Oscar del Vino è un "bis" di 18 anni che afferma la qualità di una comunicazione diversa del vino, dove, pur essendo protagonista, la scelta del Premio è quella della notorietà.

La notorietà di un prodotto non sempre è riferita ad una valutazione da parte di una critica, di una giuria. Anzi, al contrario, la piacevolezza e la simpatia che un vino può sprigionare nei propri gusti o può essere anche la celebrità del Produttore.

Insomma, presentiamo da anni un Premio vero che lascia al consumatore la parola finale.

Intanto il Vinitaly già sta sfornando le sue premiazioni, quest'anno senza gli enologi, anche se qualcuno sparso si nota nella giuria, nomi strani, particolari, riciclati da cacciate di ambienti "in" romani e ritrovati a decidere chi è il meglio del Vinitaly.

Sorridiamoci su al pensiero che i Produttori, oltre a pagare profumatamente i loro stand, debbano pure far sostenere (anche se blandi) gli esami ai loro vini da esaminatori improvvisati.

Ci sta il ricordo del pessimo lavoro all'Expo Vino della Unione Italiana Vini, anche questa impegnata a non far nulla per i Produttori, ma soprattutto a non far vedere al mondo la grandezza del vino italiano.

Insomma, fa tutto parte di un Luna Park antico di 50 anni, utilissimo alla crescita della comunicazione dei nostri prodotti nel mondo, una fiera mercato che ha dato una mano per far conoscere il nostro Vino a circa 7 milioni di persone da tutto il mondo in 50 anni.

Ecco perché siamo oggi impegnati con le istituzioni: per elevare il numero dei neofiti, perché solo in Italia sono 60 milioni.

Evviva Vinitaly, 50 volte Vinitaly, comunque e malgrado tutto.

Un Circo i cui veri attori e protagonisti sono i visitatori, così come succede all'Oscar del Vino... con la differenza che a Verona si stancano tanto per camminare e a volte non sanno perché sono lì. Ma va bene, fa parte del successo del Vino. Importante è parlarne.

In questa enorme diversità c’è anche l'Oscar, qui sono seduti, hanno lo smoking e seguono un'emozione.

Sarà Domenica 24 Aprile che con RAI DUE faremo il nostro ennesimo Oscar, uno dei nostri 1.200 eventi dell'anno, una delle 1.200 cose belle che meritano il bis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina