Notizie
Home > Notizie > Nel Kaiserstuhl tra i vigneti di Andreas e Regina Stigler

Nel Kaiserstuhl tra i vigneti di Andreas e Regina Stigler

Dario Risi
Dal n.168 di
Fotografia

Nell’angolo sudovest della Germania, tra la Foresta Nera e i Vosgi, si staglia, isolata al centro della piana del Reno, la collina vulcanica del Kaiserstuhl. Una catena montuosa relativamente bassa (l’altezza massima supera di poco i 550 metri s.l.m.) lunga quasi 15 Km e con una larghezza massima di circa 12,5 Km. Un’area caratterizzata da un clima particolarmente mite (siamo in una delle zone più calde della Germania) favorito dalle correnti di aria calda che provengono dalla Borgogna. Condizioni favorevoli che hanno permesso il prosperare su terreni estremamente fertili di una flora tipica di latitudini più meridionali. Clima e terreno ideali anche e soprattutto per la coltivazione della vite (presente in zona già da tempi lontani come attestato da diversi documenti). Poco più di 4000 ettari vitati sui circa 15.400 che costituiscono l’intera superficie vinicola del Baden, la terza per ordine di grandezza di tutta la Germania. Un territorio a metà strada tra Friburgo e Colmar da scoprire a piedi, in bicicletta oppure con il caratteristico treno a vapore “Rebenbummler”.

Lungo il percorso della Badische Weinstrasse, tra rigogliosi vigneti e accoglienti locande, il paese di Ihringen, all’estremità sud del Kaiserstuhl, ospita numerose famiglie dedite da lungo tempo alla viticoltura. Tra le tante piccole aziende quella di Andreas e Regina Stigler (nella foto sotto con i figli). I loro vini, presenti sulle migliori tavole della Germania, nascono da un progetto antico fatto di passione ed attaccamento alle tradizioni. È Josef Stigler nel 1881 a porre le basi dell’azienda vinicola con l’acquisto di una piccola porzione di vigneti nell’“Ihringen Winklerberg”. Al 1992 risale invece l’acquisizione di nuovi terreni nel “Freiburger Schlossberg”. Vulcanico il terreno dell’”Ihringen Winklerberg”, sul lato più pregiato del Kaiserstuhl, a prevalenza di loess. Qui la vite, grazie alle temperature elevate e al calore accumulato nel terreno, fiorisce e matura con due settimane di anticipo rispetto ai siti vicini. Il “Freiburger Schlossberg”, uno dei migliori terreni nella regione di Friburgo, dove la vite è coltivata da un millennio, si caratterizza per il terreno formato da gneiss disgregato ricco di ferro ma soprattutto per la particolare ripidità dei terreni che può arrivare anche al 70%.

Andreas e Regina Stigler, quarta generazione, al timone dell’azienda dal 1991, coltivano sui terreni dell’Ihringen Winklerberg (10,5 ha) e del Freiburger Schlossberg (1,5 ha) le varietà tipiche della regione del Baden, presenti da decenni sul territorio. In particolare Pinot Nero (la principale varietà nel Freiburger Schlossberg) Pinot Bianco e Pinot Grigio ma anche Silvaner, Riesling e Traminer. Tutte le uve sono raccolte rigorosamente a mano e vinificate con particolare attenzione (per i bianchi pressatura soffice e fermentazione in botti di rovere) per una produzione annua che si aggira intorno alle 85.000 bottiglie.

I prodotti di questa piccola azienda presentano caratteristiche peculiari che richiamano fortemente il territorio di origine: vinificati per la gran parte secchi sono estremamente piacevoli e ricchi di frutto con un’ acidità sostenuta ma non aggressiva. Dai più semplici VDP Gutswein fino ai VDP Grosse Lage, che rappresentano, secondo la nuova classificazione VDP (la storica Associazione dei produttori tedeschi di vini di qualità), il vertice della piramide qualitativa. Tra i vini dolci meritano una menzione speciale i Riesling Auslese e Beerenauslese. Nell’ampia gamma di prodotti aziendali anche un ottimo Pinot brut Rosé (Cuvée di Pinot Bianco, Pinot Nero e Chardonnay) ed interessanti distillati da uve Silvaner. A disposizione per i visitatori una graziosa ed accogliente sala di degustazione affacciata sul cortile dell’azienda.

L’Ihringen Winklerberg Weissburgunder GG Pagode 2011 (dove GG sta per Grosses Gewächs ovvero vini secchi che provengono da un vigneto classificato Grosse Lage) mostra un colore giallo paglierino molto tenue con un naso profondo ed avvolgente ove emergono sentori pronunciati di fiori (si coglie il gelsomino e la gardenia) e frutta matura (ananas e mela). All’assaggio è caldo (siamo oltre 14,5 gradi), consistente e succoso ma in perfetto equilibrio grazie alla presenza di una spiccata mineralità. Il finale è molto lungo e di bella sapidità sulle note già apprezzate all’olfatto. Vino di pregevole fattura, sicuramente longevo.

L’Ihringen Winklerberg Riesling F36 GG Herrgottswinkel 2012, da uno dei migliori vigneti del Winklerberg, si presenta con un bel paglierino dai riflessi verde oro e con un naso in cui prevalgono lime e mela golden. Al palato i toni minerali si fondono armoniosamente con il calore dell’alcol mentre gli agrumi lasciano lentamente spazio alla mela e alla frutta matura. Solo 1600 bottiglie per un riesling pieno e consistente dai tratti molto mediterranei. Perfetto in abbinamento con un risotto ai funghi o una zuppa di legumi. L’Ihringen Winklerberg Chardonnay GG Pagode 2013 è il risultato di una vendemmia difficile caratterizzata da molta pioggia. Ad un naso caratterizzato da sentori di mela e banana con lievi sfumature citrine si contrappone una bocca non particolarmente ricca dove calore e morbidezza non sono assistiti da adeguata freschezza. La chiusura è poco articolata e sfuggente su toni di frutta bianca matura. Molto interessante il Freiburg Schlossberg Spätburgunder GG 2009, dai ripidi pendii situati ad est della città di Friburgo. Tra rubino e granato di bella trasparenza e nitidezza è ampio e complesso all’olfatto con intensi sentori di rosa, ciliegia scura e frutti di bosco. In bocca è caldo e strutturato con tannini setosi ben integrati. Qui la gelatina di frutti rossi incontra il cacao e la polvere di caffè in un intrigante connubio di eleganza e piacevolezza. Imbottigliato nell’agosto del 2012 dopo una sosta di 23 mesi in botti di rovere può evolvere positivamente nei prossimi anni. Vini espressivi e ricchi di personalità frutto di passione, tenacia e dedizione alla ricerca della migliore qualità possibile. Passione che non manca certamente ai giovani figli Maximilian, studente all’Università del vino di Geisenheim nel Rheingau, e Frederic. La storia della famiglia Stigler continua.

Weingut Stigler
Bachenstrasse, 29
D-79241 Ihringen/Kaiserstuhl
Germania
Tel. 0049 (0)7668/297
www.weingut-stigler.de
info@weingut-stigler.de

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina