Notizie
Home > Notizie > Da 15 anni alla Prova del Cuoco

Da 15 anni alla Prova del Cuoco

Franco M. Ricci
Dal n.150 di
Fotografia

Tra pochi giorni termina l’edizione 2014/2015 della trasmissione giornaliera di Antonella Clerici e contestualmente a questa chiusura chiude paradossalmente anche il Vino in televisione. Se non fosse per la replica su Rai 2 della trasmissione I Signori del Vino di Marcello Masi e Rocco Tolfa e alla Radio per Decanter di Fede e Tinto, il Vino non viene mai pronunciato, neppure come parola.

Dal divano di casa, ho assistito per 4 giorni ai vari servizi televisivi sull’inaugurazione e sui primi giorni di Expo. Ebbene, durante i 4 giorni non mi è mai capitato di sentir dire “il Vino” e, paradosso dei paradossi, non ho sentito pronunciare questa parola nemmeno durante una surreale post inaugurazione delle sale del Vino il 23 maggio scorso.

Ma a parte queste cose scandalose, ci sentiamo di gridare forte: “Meno male che c’è Antonella!”

Le piccole informazioni del mattino su possibili e plausibili abbinamenti dei piatti della Prova del Cuoco, ci danno la possibilità per oltre 200 giorni l’anno di dire che Valdobbiadene è in Veneto e che il Nero d’Avola è un vitigno Siciliano.

Perché forse ricorderete quando vi riferii di aver ascoltato dai concorrenti dei giochini serali di Carlo Conti e Jerry Scotti che il Barolo è un vino bianco e che il Lambrusco è un vino del Piemonte.

La Fondazione Italiana Sommelier, da 15 anni quindi affianco agli Autori capitanati da Fabrizio Zaccaretti e con i nostri 4 Docenti che si sono avvicendati nel tempo, riferisce, parla, comunica quotidianamente informazioni del Vino chiare, comprensibili e incontrovertibili, affinché possano rimanere indelebili nel cuore della gente. Insieme, ovviamente, al sorriso di Antonella Clerici.

Noi continuiamo nella nostra faticosa azione, con le Istituzioni, con le persone di Cultura, con i media e con tutti gli amici, tantissimi, che ci ascoltano con piacere.

Le aperture per l’insegnamento a Scuola sono un primo grande risultato, oltre a quello del Presidente del Consiglio che omaggia vino ai Capi di Stato. Mentre su Decanter i Sommelier ma non troppo si “divertono seriamente” a parlare di vino con noi e assieme a noi per un Master Radiofonico.

Siamo molto, molto lontani da quelli che il vino lo fanno assaggiare con le macchinette della Coca Cola. Da quelli che forse, anche per una sorta di premonizione, già pensavano di utilizzare gente che quando apre una bottiglia fa saltare il tappo…

Siamo molto lontani da quelli che non sanno raccontare il Paese Vino.

Noi lo facciamo nelle nostre aule d’Italia e del Mondo quotidianamente, nella nostra Rivista e in questo Giornale, e su Rai 2 saremo presenti per la 17a Edizione dell’Oscar del Vino in seconda serata il 1° Luglio prossimo, proprio nel giorno della 33.ma Giornata del Sommelier.

E siamo anche pronti ad essere i migliori compagni di viaggio possibili di Antonella il prossimo Autunno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina