Notizie
Home > Notizie > Magnificat!

Magnificat!

Antonella Pompei
Dal n.125 di
Fotografia

Se uno dice grandi vini rossi, non è che immediatamente pensa all’Emilia Romagna. Ma noi non badiamo ai luoghi comuni, che pure hanno una loro motivazione, e oggi parliamo di una grande azienda romagnola e dei suoi grandi vini, in particolare rossi, appunto. L’azienda è Drei Donà Tenuta La Palazza, che sorge sulle colline romagnole fra Forlì, Castrocaro e Predappio e che, sin dai primi anni del ‘900, appartiene ai conti Drei Donà, che hanno da sempre creduto nelle straordinarie potenzialità del loro territorio. Non solo come habitat naturale del Sangiovese di Romagna, che qui raggiunge livelli di assoluta eccellenza, ma anche come terra idonea ad accogliere vitigni internazionali come il cabernet sauvignon, lo chardonnay e persino il riesling, con gli stessi importanti risultati, che non si ottengono per caso o per fortuna. Il successo parte anche da una filosofia aziendale che si basa sul pieno rispetto del territorio lasciandogli la possibilità di esprimersi nel pieno delle sue potenzialità. Alcune regole ferme, mi spiega Giovanna Drei Donà, moglie di Claudio: “minimo di interventi in campo, poca uva per ettaro, raccolta manuale seguendo la maturazione di ogni singolo vigneto con occhio attento alle singole piante, che detto così sembra un'esagerazione irrealizzabile ma che invece è possibile con terreni relativamente piccoli, seguiti da persone che li amano e che conoscono pianta per pianta perché li percorrono quotidianamente”. Niente male davvero.

Le vigne sono allevate a cordone speronato, su suolo argilloso a 140 metri di altitudine. Nel 2009 l’azienda ha aderito al progetto Magis di sostenibilità ambientale, sempre nel rispetto di quella convinzione che il territorio è elemento fondamentale e dunque va difeso e salvaguardato. Inoltre, risulta tra le prime sette aziende italiane ad aver ottenuto la certificazione da DNV (Det Noeske Veritas). I vini. Al Sangiovese Doc Superiore Riserva Pruno si affiancano il più giovane Notturno e l’esclusivo Graf Noir cui con la vendemmia 2009 si aggiunge la Cuvée Palazza (Sangiovese vinificato in botti grandi secondo la maniera antica) di cui la Riserva 2011 è reduce dal ritiro dei Cinque Grappoli BIBENDA 2015.

Abbiamo degustato il Magnificat, annata 2008, e ne siamo rimasti colpiti, motivo per cui ne scrivo. Vino storico dell’azienda che, ci racconta ancora Giovanna, è sempre rimasto fedele a se stesso: 100% Cabernet Sauvignon “Vigneto Singolo”, maturato 18 mesi in barrique nuove di Allier e Tronçais, così come lo aveva voluto il marito Claudio più di 30 anni fa. Un vino testimone delle reali potenzialità del particolare micro terroir mediterraneo, solare e caldo, che trasmette ai suoi vini (non solo al Magnificat) tutta la sua potenza e generosità. Questi alcuni successi: l’annata 1993 aveva ottenuto un punteggio di 96/100 su Wine Enthusiast posizionandosi nella loro classifica al 6° posto fra i migliori 100 vini del mondo mentre un punto di particolare soddisfazione per la famiglia è stata la brillante vittoria in una degustazione cieca fatta in Belgio fra 7 annate di Magnificat (1995, 1997, 1998, 2000, 2001, 2003, 2004) contro le stesse annate di Sassicaia. Scusate se è poco.

La degustazione: rosso rubino intenso, limpido e compatto. Un naso potente e dolce di frutti scuri maturi, mora e mirtilli in confettura, prugna secca; nettissime sensazioni di inchiostro e carta copiativa ritornano alternandosi con le note fruttate, ciliegia sotto spirito, cacao, note balsamiche mentolate, speziate dolci, vegetali di sambuco. In bocca è avvolgente, “juicy”, succoso, che ricorda l’arancia rossa, un equilibrio di ampiezza, potenza e soavità, grande concentrazione. Tannini morbidi e finale fresco, lungo, di incredibile eleganza e raffinatezza. Un vino superbo. L’abbinamento fatelo voi, con un piatto che amate, perché questo vino lo amerete.

 

Drei Donà Tenuta La Palazza
Via del Tesoro, 23 - Massa di Vecchiazzano
47100 Forlì
Tel. 0543 769371 
www.dreidona.it
palazza@dreidona.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina