Notizie
Home > Notizie > C'è poco da ridere: il Nobile di Montepulciano è un aceto

C'è poco da ridere: il Nobile di Montepulciano è un aceto

Franco M. Ricci
Dal n.124 di
Fotografia

Sì, nella trasmissione televisiva “Avanti Un Altro” condotta da Paolo Bonolis su Canale 5, puntata di Mercoledì 12 Novembre scorso, è emerso proprio questo!

Il presentatore ha fatto la domanda al concorrente di turno: “Cosa c’è di Nobile a Montepulciano, il Vino o l’Aceto?

E il concorrente - immediatamente - “L'Aceto!”

Quando Bonolis gli ha dato l’esatta risposta, meravigliandosi ovviamente di quanto aveva affermato, il concorrente, lui, il concorrente, si è scusato dicendo: “Il Vino mi sembrava troppo scontato!”

È ovvio che a noi quanto affermato lascia l’amaro (non so dove, se in bocca o altrove) ma tutto ciò deve ispirarci l’ennesima, solita riflessione: 51 milioni di persone in Italia non sanno che cos’è il Vino.

Certo che in queste trasmissioni abbiamo sentito già di tutto, di recente ad esempio si è saputo che Foligno si trova nel Lazio e che Giannutri sono dei biscottini alle mandorle.

Ma quando questa povertà culturale tocca al vino e ci fanno sentire che il Barolo è un vino bianco e che il Lambrusco è piemontese, è ovvio che le riflessioni vanno sempre verso le stesse eterne considerazioni nostre su quanto niente si stia facendo per il Paese produttore di Vino di qualità per eccellenza, e su quel niente,che quando diventa poco è pure confuso e fallimentare.

Con colpa, con dolo e con paura non si trasmette il vino ai giovani quale arte e cultura, né tanto meno si fa conoscere alla gente il vero rapporto emozionale che queste tradizioni e diversità, solo italiane, sanno donare alle menti dei giovani, delle donne e degli uomini che amano la vita.

Eppure, il Presidente del Consiglio oggi - con orgoglio - dona vino italiano ai Capi di Stato in visita. Questo è un segnale forte che dovrebbe risvegliare le coscienze di parecchi burocrati addetti alla cultura del Paese, ai controlli, alla comunicazione, alla televisione, alla sanità. Tutti zitti. Tutti attenti al prossimo affare, alla prossima marchetta.

Tanto a Montepulciano di Nobile c'è solo l'Aceto!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina