Notizie
Home > Notizie > Il Terra dei Conti Zecca

Il Terra dei Conti Zecca

Roberto Greco
Dal n.89 di
Fotografia

La forza di un grande produttore del vino passa anche attraverso importanti modifiche della struttura delle proprie etichette, senza per nulla sconvolgere i principi di base e la filosofia di cantina. Interessati ed incuriositi dalle potenzialità dell’azienda e dagli umori del mercato, i Conti Zecca, assistiti dall’enologo Antonio Romano, hanno operato delle piccole ed intelligenti trasformazioni nella gamma produttiva. Novità di rilievo, oltre alla variazione della veste grafica ben visibile di tutte le etichette, hanno interessato uno dei vini più apprezzati della cantina e del territorio salentino: il Terra. Dall’annata 2008 il “nuovo” Terra, contrariamente al blend originario realizzato da uve Negroamaro al 70% e Aglianico al 30%, è ottenuto con un incremento dell’apporto di quest’ultimo, fino ad un massimo dell’85%, il resto è sempre Negroamaro. Realizzato dal 1999 sotto la denominazione Leverano Rosso Riserva, oggi è un fiero rappresentante della storica cantina della famiglia dei Conti Zecca, famosi per la capacità nell’interpretare le singolari peculiarità del territorio salentino attorno al comune di Leverano. Le uve del Terra provengono da vigne sistemate esclusivamente a cordone speronato, poggiate su terreni caratterizzati da suoli di medio impasto di origine alluvionale con un substrato ricco di calcare. Circa cinquemila ceppi per ettaro disegnano la vigna che regala una resa massima di 60 quintali. La tecnica di produzione prevede una fermentazione in serbatoi di acciaio inox con macerazione per quindici giorni ad una temperatura di 28-30°C e una maturazione per 14 mesi in barrique di legno francese e altri 16 in botti di rovere da 30 ettolitri. L’affinamento in bottiglia dura 6 mesi. Etichettato nella prima e seconda vendemmia, 2008 e 2009, come Igt Puglia Aglianico, dall’annata 2010 viene commercializzato con la nuova e definitiva denominazione Salento Aglianico.

Oltre cinque secoli di storia per questa grande cantina, un passato che parte dalla fine del 1500 quando i Conti Zecca, proprietari terrieri di origine campana, approdarono in terra di Puglia per acquisire terreni da coltivare. In tutto questo tempo si sono resi protagonisti dello sviluppo agricolo del territorio del basso Salento, attraverso la coltivazione della vite e dell’ulivo. Dal 1935 vinificano ed imbottigliano per proprio conto le uve ricavate dai trecentoventi ettari vitati che interessano i comuni leccesi di Leverano e Salice Salentino. Quattro le grandi tenute, Cantalupi, Donna Marzia, Saraceno e Santo Stefano, dove da tempo predominano vitigni autoctoni di Primitivo, Malvasia Nera e Bianca, più piccole parcelle di Negroamaro ed Aglianico. Dalla fine degli anni ottanta sono state impiantate anche poche varietà internazionali di Cabernet Sauvignon, impiegato per la creazione del Nero, e di Chardonnay. Completano la gamma ampelografica, i nuovi impianti di Fiano ed un successivo potenziamento degli ettari a base Aglianico. Il Terra 2010 si presenta con un colore rubino pieno e di ottima concentrazione. Ha un olfatto complesso, con un’eccellente espansione aromatica. È un susseguirsi di fragranze fitte di visciole e prugne, humus, rosa appassita, poi bacche di ginepro, liquirizia e tabacco dolce. Bocca calda ed equilibrata, compatto nel corpo, perfetto poi l’equilibrio tra la trama tannica, l’adeguata acidità e l’apporto della morbidezza. Finale persistente dai ricordi speziati. Si abbina bene ad un carré di vitello con scalogno e cipolline confìt o ad una costata di manzo con ginepro e funghi porcini.

Conti Zecca
Via Cesarea 
73045 Leverano (LE)
Tel. 0832 925613 
www.contizecca.it 
info@contizecca.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina