Notizie
Home > Notizie > Il Lugana di Olivini

Il Lugana di Olivini

Roberto Greco
Dal n.80 di
Fotografia

Sull’esclusivo scenario che si affaccia sul Lago di Garda c’è una piccola fascia di territorio, posta a sud del lago, suggestiva dal punto di vista paesaggistico ma ancora poco valorizzata nel settore vitivinicolo. Terreni collinari, di origine morenica, circondati a poca distanza da zone note come la Franciacorta, nella parte occidentale, e la ricca zona del veronese in quella orientale. Attraverso la passione e l’impegno di alcuni imprenditori, è venuto alla ribalta un vecchio vitigno a bacca bianca tipico della zona, il Turbiana, meglio conosciuto come Trebbiano di Lugana, appellativo locale del Trebbiano di Soave. Dal 1967 ha ottenuto la Denominazione di Origine Controllata Lugana e comprende territori ricadenti nelle province di Brescia e Verona. La recente revisione del 2011 ha introdotto, oltre alle già Lugana Spumante e Lugana Superiore, anche le nuove versioni di Lugana Riserva e Lugana Vendemmia Tardiva.

Nel comune di Desenzano del Garda, dal 1970, opera la famiglia Olivini, una piccola azienda vinicola a gestione familiare, prima cantina in tutta la zona a credere e a spumantizzare il Lugana attraverso il Metodo Classico. Sono ventisei, gli ettari di vigneto a disposizione al momento, posti su terreni non facili, suoli caratterizzati prevalentemente da argille aride e calcaree. Apprezzabile il lavoro svolto in questi ultimi anni da Giorgio, Giordana e Giovanni Olivini, responsabili al momento della cantina, che attraverso opere di ristrutturazione ben indirizzate, sono riusciti a selezionare i migliori ceppi dai vigneti più vecchi dedicati alla produzione del Lugana, creando nuovi impianti, in modo da preservare ed ottimizzare il ricco patrimonio varietale. Riordinata in maniera concreta anche la gestione della cantina, elaborando per ogni singolo vigneto un piano di vinificazione dedicato. La gamma è ampia, rappresentata da prodotti realizzati sia in versione spumante sia i classici, ricavati non solo da uve da Trebbiano di Lugana ma anche vitigni a bacca rossa, come Barbera, Marzemino, Sangiovese e Groppello, utilizzate per creare il Rosé Spumante. Abbiamo recuperato una delle ultime etichette realizzate della famiglia Olivini, una sfida importante per la cantina, la prima annata del Metodo Classico Lugana Pas Dosé 2006, realizzato attraverso una vendemmia manuale selezionando i migliori grappoli di Trebbiano di Lugana. In cantina il mosto è stato ulteriormente selezionato prelevando solo la frazione centrale della spremitura. Permanenza sulle fecce di fermentazione e poi in bottiglia per la presa di spuma. Sosta definitiva sui lieviti per 48 mesi. Il vino si presenta con un colore giallo luminoso, dal perlage fine ed intenso. Al naso si identificano note di salvia, cedro e mela limoncella, seguite da profumi di mandorla, fiori gialli, crosta di pane e cenni minerali piuttosto decisi. Palato fresco ed appagante, segnato da un’importante vena sapida e da un finale coerente nei ritorni agrumati ed aromatici. Si abbina a piatti tipici della zona come “i bigoi con le aole”, spaghetti con le alborelle o bocconcini di trota aromatizzati all’aceto di mele.

Olivini
Località Demesse Vecchie, 2 - San Martino della Battaglia
25015 Desenzano del Garda (BS)
Tel. 030 9910268 
www.famigliaolivini.com
info@famigliaolivini.com
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina